Gli Usa chiedono la sospensione del vaccino J&J

  • Vaccini

USA Negli Stati Uniti stop all'uso del vaccino Johnson&Johnson dopo che sei persone hanno sviluppato una malattia rara con coaguli di sangue entro due settimane dalla somministrazione. Le agenzie sanitarie federali Fda e Cdc hanno chiesto la sospensione immediata nell'uso del vaccino monodose dopo che i casi che hanno riguardato sei donne di età compresa tra i 18 e i 48 anni. Una di loro è morta e una seconda in Nebraska è stata ricoverata in gravi condizioni, hanno riferito i funzionari americani, citati dal New York. Sono già più di sei milioni e 800 mila gli americani vaccinati con Johnson&Johnson. "Raccomandiamo una pausa nell'uso di questo vaccino come estrema misura di cautela", ha twittato la Food and Drugs Administration, sottolineando che si tratta di casi estremamente rari. L'annuncio ha fatto calare il titolo di J & J del 3% prima dell'apertura di Wall Street.

Nel frattempo, in Italia arriveranno 184mila dosi di  Janssen della Johnson & Johnson nel pomeriggio di oggi all’hub nazionale della Difesa di Pratica di Mare. “Si tratta del primo lotto del vaccino statunitense che giunge in Italia“,  si legge in una nota del commissario straordinario all’emergenza Francesco Paolo Figliuolo. 

Il vaccino Janssen è il quarto approvato dalle autorità sanitarie nazionali, dopo Pfizer, Moderna e Vaxzevria.

Articoli Correlati

Trombosi per un 34ennevaccinato con J&J

Erano passati 11 giorni dalla puntura. Manifestato calo delle piastrine e sindrome neurologica

Speranza: "Le regionidevono allinearsi"

Ma la Campania va avanti per la sua strada