Sport

Bologna salvo grazie al pari con la Lazio

Calcio

Gol e spettacolo all’Olimpico tra Lazio e Bologna, con la fame dei felsinei che riesce a tenere a bada la classe dei laziali reduci dalla vittoria in Coppa Italia. Per loro il campionato non ha più nulla da dire, mentre per il Bologna il punto agguantato ieri sera vuole dire matematica salvezza, del tutto impensabile dopo il disastroso girone d’andata. 
Tutti gol di qualità quelli visti all’Olimpico, in un ottovolante di emozioni che si è concluso al punto di partenza, con tutti felici. Apre le marcature il laziale Correa, e un brivido corre lungo la schiena di Mihajlovic, poiché in quel momento il Bologna è a rischio retrocessione. Ma la determinazione dei felsinei ribalta la partita e il secondo tempo è scoppiettante Pareggia subito Poli e poco dopo Destro porta in vantaggio i rossoblù. Arriva il 59’ e Bastos con una palombella notevole porta in pari la Lazio. Tre minuti e il Bologna è di nuovo avanti: Orsolini in mischia, il Var convalida. Ma la Lazio non vuole uscire sconfitta dalla sua ultima all’Olimpico, e all’80’ un tiro a giro di Milinkovic Savic passa a fil di palo e fissa il 3-3 finale, benché nel finale ci siano altre occasioni da gol (e Immobile resta all’asciutto nonostante ripetuti tentativi). 
Sugli spalti compare anche uno striscione che omaggia Daniele De Rossi: «La Nord saluta De Rossi, fiero ed irriducibile nemico sul campo». Ma quando viene esposto, il resto dello stadio fischia e fa partire cori contro la Roma e il suo capitano.  
Ora restano gli ultimi 90 minuti, di fatto superflui per entrambe le compagini. Che forse pensano già al futuro. O lo fanno i loro allenatori: potrebbero restare entrambi sulle attuali panchine, ma tutti e due tengono un orecchio ad altre sirene. Per Simone Inzaghi si fa anche l’ipotesi della Juventus, cui sarebbe difficile dire di no. A quel punto a Roma sponda biancoceleste potrebbe approdare proprio il tifoso laziale Sinisa Mihajlovic. 

Articoli Correlati
Sport