Meteo
 


Spettacoli

Gassmann firma Fronte del Porto

Torino Teatro

TORINO Un altro capolavoro del cinema da portare a teatro per Alessandro Gassmann dopo il successo della sua messinscena di “Qualcuno volò sul nido del cuculo”. La scelta per il popolare attore, figlio d’arte, qui nelle vesti esclusivamente di regista, punta, da stasera al 16 febbraio al Teatro Carignano, su “Fronte del porto”, pellicola di Elia Kazan che, nel 1954, vinse 8 Oscar con protagonista uno strabiliante Marlon Brando. 

Ispirato all’omonima opera di Budd Schulberg di cui Enrico Ianniello ha curato la traduzione e l’adattamento che trasferisce l’azione in una sgargiante quanto rabbiosa Napoli anni ’80, creando un parallelo tra la mafia portuale del film e la camorra, questo spettacolo, interpretato da Daniele Russo, nel ruolo che al cinema fu di Brando, e da altri undici attori, è ambientato tra architetture sceniche a forma di libro aperto, fondali in pvc con proiezioni e retroproiezioni. 

Così il regista Gassmann porta il pubblico direttamente dentro la storia, ricreando un microcosmo napoletano estremamente verosimile.

Tra gelide banchine e bar ritrovo di camorristi, l’iconico Terry Malloy di Marlon Brando ha qui la disperata forza vitale dello scaricatore napoletano, pugile mancato, Francesco Gargiulo, più vicino alle borgate pasoliniane che al lungomare newyorkese.

Attorno a lui altri intriganti personaggi per una storia che ha il colore torbido del sangue, mischiato all’acqua delle banchine e che non lascia indifferenti per i parallelismi con l’attualità (Info: teatrostabiletorino.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati
Spettacoli