Meteo
 


Salute

La dieta d'autunno con i cibi anti-stanchezza

ALIMENTAZIONE

ROMA Stress da rientro e  cambio di stagione in agguato. Settembre è il mese del ritorno in pista, al lavoro, a scuola, nella vita quotidiana. E in quanto tale necessita di un aiuto supplementare anti-stanchezza che dia energia a tutto l'organismo. Una sorta di ricarica naturale che non può che venire in primis dall'alimentazione.
Ecco allora che scegliendo con attenzione le pietanze da mettere in tavola si può riuscire ad affrontare l'autunno con il piede, anzi con le posate giuste. Indispensabile scegliere i prodotti di stagione. Per esempio la zucca ricca di vitamina C, antiossidanti e betacarotene, come i sui semi che scacciano l'astenia grazie agli acidi grassi e allo zinco che contengono. Indispensabile anche l'uva per la vitamina C, l'avena saziante e anti stress per il suo alto contenuto di fibra, proteine e vitamina B. E la frutta secca in particolare noci e mandorle dall'effetto energizzante per la presenza di omega 3. E sí al pane e alla pasta ma integrali, perché i carboidrati complessi danno la giusta energia senza incidere sui livelli di zucchero. Anti stanchezza è anche il frutto di settembre per eccellenza ovvero il fico. Si può mangiare come protagonista inedito di una pasta speciale come la Gricia autunnale proposta ai lettori di Metro da Edoardo Fraioli. «Abbiniamo uno spaghettone integrale ai fichi settembrini e qualche fogliolina di menta -spiega lo chef- facendo rosolare in padella il guanciale nel suo grasso fino a renderlo croccante e mantecando il tutto in padella con il pecorino romano dop grattugiato e  pepe». C'è anche la versione con la zucca rosolata a dadini.

 

LUISA MOSELLO

Articoli Correlati
Salute