Sport

Ora la Juventus vuole la Supercoppa

Supercoppa

CALCIO Un uomo solo al comando. Esagerazione, ok. Ma è un fatto che Gonzalo Higuain si sia preso la Juve: gol decisivo alla Roma, altrettanto al Napoli, più scalpi eccellenti come Fiorentina e Toro. Vero che è stato pagato 90 milioni e spiccioli, vero anche che a un certo punto non sono mancati malumori. «Ognuno ha le proprie opinioni e io rispetto tutti - le sue parole nella pancia dello Stadium, ben oltre la mezzanotte di sabato -. Non perdo però certo la mia tranquillità per qualche partita che magari non va come dovrebbe. Se non segno per un po’, non è la fine del mondo».
Sotto con il Milan, adesso. Da affrontare venerdì a Doha nella Supercoppa italiana. Tornerà sul luogo del delitto, il Pipita: due anni fa vestiva la maglia del Napoli e la Juventus era un’avversaria da battere. Fatto: ai calci di rigore, dopo avere realizzato una doppietta al pari di Tevez, raggiungendo la Signora a due minuti dal termine dell’overtime. «Ho un buon ricordo di quei giorni. Ero un giocatore del Napoli e portammo  a casa la partita. Adesso gioco con la Juventus e tutto quello che mi interessa è raggiungere lo stesso risultato. Il Milan è una squadra dura, ma a San Siro il gol di Pjanic era regolare e avrebbe potuto cambiare la partita. Era stato un match difficile e altrettanto succederà venerdì: per vincere, servirà una Juve perfetta». Con Pjanic e Lichtsteiner ancora da valutare, ma il morale a mille: «Non porterei a Torino nessun giocatore di altre squadra. Sono contento e di come siamo: abbiamo una fame pazzesca».
DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati
Sport