Fatti&Storie

Arriva il quarto Covid Hotel

Milano

salute  «Io lo dicevo da inizio ottobre che Napoli e Milano dovevano essere zona rossa. Questo è un virus rapidissimo, servono risposte rapide e non dopo 2-3 settimane». Parole di Walter Ricciardi, consigliere del ministro Speranza, che aggiunge: «Se avessimo preso decisioni settimane fa, ora avremmo un appiattamento della curva e invece dovremo aspettare ancora un po’». Una triste verità suffragata dai numeri: i nuovi posiviti in Lombardia ieri sono stati 8.060, i decessi  181 (per un totale di 19.367 morti in regione da inizio della pandemia). Oggi negli ospedali sono 7.781 i pazienti ricoverati con sintomi (+160  rispetto al giorno precedente), e sono 837 quelli in terapia intensiva (+20), con 153.923 persone in isolamento domiciliare. Numeri che fanno  paura, soprattutto se si considerano le singole province: a Milano i nuovi casi sono stati 3.302, di cui 1.266 in città; 1140 a Monza e Brianza e  684 a Varese. Ma i focolai crescono anche a Brescia (644), Pavia (465) e Como (425). E così si cerca di correre ai ripari: a Milano da oggi sarà attivo il quarto Covid Hotel, la rete di alberghi adibiti all’assistenza delle persone positive. All’Adriano Community Center, all’Hotel Astoria e al centro di Linate, si affiancherà infatti l’Hotel Baviera di Porta Venezia. “Il coordinamento lo fa l’Ats e come Comune stiamo dando ogni sostegno necessario”, ha scritto ieri l’assessore Maran. In questo momento le tre strutture ospitano circa lo stesso numero di persone che aveva ospitato l’Hotel Michelangelo durante la prima ondata, ma avverte Maran: “non va abbassata la guardia, perché la pressione sugli ospedali e sulle strutture a bassa intensità resta forte”.

Articoli Correlati
Fatti&Storie