Elkann si gode la Juve ed elogia Andrea Agnelli

  • Calcio

CALCIO  «La Juve è l’unica squadra dei principali campionati europei a vincere 9 titoli di fila. E questo è un merito straordinario che va riconosciuto ad Andrea Agnelli e a tutta la squadra per quello che hanno fatto in campo e fuori dal campo». Sono le parole di elogio per la conquista dello scudetto da parte della squadra bianconera di John Elkann, nipote dell’Avvocato Agnelli e presidente di Exor e Fiat Chrysler in una intervista a 'La Gazzetta dello Sport'.

 «In questi anni ci sono stati tre allenatori, tra loro molto diversi, ma la Juventus è riuscita a vincere nonostante l’asticella si sia alzata sempre di più. È stato un campionato complicato dalle conseguenze del Covid-19: l’interruzione, la ripresa -sottolinea Elkann-. Gli avversari tradizionali e le sorprese di squadre come la Lazio e l’Atalanta che si sono dimostrate avversarie toste e velocissime. Ma la Juve non ha mai perso il controllo ed ha confermato
la sua solidità. Alla lunga è uscita la cultura vincente. E quello che è successo negli ultimi 10 anni sotto la guida di Andrea non ha precedenti».

«Ricordo bene quando la Juve superò il record delle 5 vittorie consecutive che risaliva agli anni 30, Andrea disse che era più difficile arrivare a 10 scudetti di fila che vincere la Champions.
 Quando lo disse sembrava qualcosa di assolutamente irraggiungibile, e invece siamo qui a ipotizzare la stella consecutiva. Questo è il merito della mentalità Juve, che significa anche non dare mai niente per scontato. Mai sedersi sugli allori, non mollare e non perdere mai
 la voglia di vincere», ha spiegato Elkann.

Articoli Correlati

Finita prima di iniziarel'era Gattuso alla Fiorentina

Gattuso- Fiorentina, finita dopo 23 giorni l'avventura del tecnico in Viola. Alla base della rottura incomprensioni sul mercato. Il club guarda ora a Ranieri

Juventus in ChampionsSì e no: il giallo della lettera

La Juventus ha ricevuto la comunicazione relativa alla partecipazione alla prossima Champions. Ma l'Uefa precisa che si tratterebbe solo di un "atto formale"

Roma, passati venti annidal terzo scudetto: i ricordi

Il 17 giugno del 2001 la Roma si laurea per la terza volta nella sua storia Campione d’Italia.