Fatti&Storie

Vaccini e autismo, no alle denunce sulla correlazione

cassazione

La Cassazione ha detto un altro no alle denunce relative all'ipotesi che vi sia una correlazione tra i vaccini e l'autismo. La sesta sezione penale della Suprema Corte ha dichiarato inammissibili i ricorsi di una coppia di genitori che si opponevano al decreto di archiviazione, disposto dal gip di Milano, della loro denuncia per lesioni colpose ai danni della loro figlia, affetta da autismo infantile.

Nesso di causalità. Con un primo provvedimento la Commissione Medica Ospedaliera aveva ritenuto "fortemente probabile la sussistenza del nesso di causalità tra le vaccinazioni obbligatorie e le infermità della bambina" con il riconoscimento di un indennizzo, ma poco tempo dopo, tale provvedimento era stato "annullato in autotutela", perché il giudizio era stato rivisto "in conformità alle direttive ministeriali nell'ambito di una discrezionalità tecnica, insindacabile in sede penale". Nel secondo provvedimento, i membri della Commissione osservavano infatti che "non era stato assolto l'onere della prova sul nesso causale tra le vaccinazioni obbligatorie e la patologia della minore, sulla scorta del parere ministeriale che dava conto dei piu' recenti studi epidemiologici".

Articoli Correlati
Fatti&Storie