COPPA ITALIA FRECCIAROSSA
11:13 pm, 11 Gennaio 24 calendario

Milik show, la Juventus travolge il Frosinone 4-0

Di: Redazione Metronews
Juventus Milik
condividi

La Juventus (grazie a Milik) cala il poker ed è l’ultima semifinalista della Coppa Italia. All’Allianz Stadium infatti i bianconeri travolgono 4-0 il Frosinone grazie alla fantastica tripletta di Arek Milik (il Var gli annulla anche il possibile poker), e al sigillo di Yildiz.

Super Milik, la Juventus ora se la vedrà con la Lazio

La squadra di Max Allegri così approda così in semifinale: ad aprile se la vedrà con la Lazio, che ieri ha eliminato la Roma.
Neanche dieci minuti sul cronometro e i bianconeri trovano subito l’episodio per sbloccare: Miretti s’incunea in area e viene steso da Lirola conquistandosi un calcio di rigore, che Milik trasforma nel gol dell’1-0 spiazzando Cerofolini.

Nonostante il colpo subito quasi a freddo la formazione ciociara prova a mettere fuori il naso, senza però creare grandi pericoli dalle parti di Perin, mentre al 25′ i padroni di casa sfiorano il raddoppio con Kostic che prova a risolvere un’azione confusa in area con un mancino respinto quasi sulla linea da Romagnoli.

Il 2-0 chiude la partita

Il 2-0 juventino arriva comunque al 38′, quando Milik riceve un gran cross da McKennie e stoppa di petto prima di battere ancora il portiere in spaccata per la doppietta personale. La serata di grazia dell’attaccante polacco prosegue anche ad inizio ripresa: al 48′ infatti firma la tripletta su assist di Locatelli, bravissimo a recuperare palla in pressing al limite dell’area ospite e a servirla al compagno per spingerla dentro a porta vuota.

Il poker

Una decina di minuti più tardi Milik troverebbe addirittura il poker, annullato però per fuorigioco dal Var, ma al 61′ il 4-0 della Juve arriva lo stesso ad opera di Yildiz, che si coordina per un gran destro al volo su altro assist spettacolare di McKennie. Nel finale la squadra di Allegri sfiora più volte anche la quinta rete, ma tra parate di Cerofolini e tentativi sbagliati il il divario non si amplifica.

 

11 Gennaio 2024
© RIPRODUZIONE RISERVATA