Meteo
 


Fatti&Storie

Ragazza segregata si getta nuda dal balcone

Milano

BARONA Una ragazza di 26 anni si è gettata dal secondo piano di un palazzo di via Biella per cercare di scappare dal fidanzato che la teneva segregata in casa. È accaduto mercoledì intorno a mezzogiorno. L'uomo, 40 anni, è stato arrestato dalle volanti della polizia, che sono arrivate sul posto in seguito alla chiamata del 118. La ragazza era tenuta prigioniera da sabato scorso in casa dall'uomo, che in questo periodo l'aveva anche picchiata. 

Approfittando di un suo momento di distrazione, ieri mattina, la 26enne ha deciso però di liberarsi e di gettarsi dal balcone al secondo piano dell'appartamento. Quando è arrivata al suolo a soccorrerla c'era una signora anziana, una vicina, che l'ha aiutata ad andare in un negozio, l'ha protetta e ha chiamato i soccorsi. Sul posto è arrivata quindi una volante del 118, che l'ha portata in ospedale al Policlinico con fratture multiple. 

Il sequestratore aveva precedenti
L'uomo, G.O., è stato invece arrestato, considerando che aveva precedenti specifici: era stato assolto nel gennaio del 2018 perché non capace di intendere e volere nel processo a Bologna nel quale era imputato per sequestro di persona, violenza sessuale e tentato omicidio nei confronti di quattro ragazze. Nei quattro giorni di prigionia la donna è stata malmenata con schiaffi, calci e pugni, e sottoposta a torture come l'immergersi in una vasca d'acqua ghiacciata. Quando ha deciso di gettarsi era nuda.

METRO/NOVA

Articoli Correlati
Fatti&Storie