Milano
4:43 pm, 19 Settembre 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

De Albertis attacca Area B

Di: Redazione Metronews
condividi

«Mi auguro che le prossime limitazioni per l’accesso all’Area B non siano uno scoglio insuperabile per l’operatività dei cantieri, in questa particolare situazione congiunturale». A riaprire il dibattito sulla ventura Area B – che entrerà in vigore il 1° ottobre prossimo, vietando l’accesso in buona parte della città ai veicoli Diesel Euro 4 ed Euro 5  – è stata oggi la presidente di Assimpredil Ance, Regina De Albertis, nella sua relazione all’assemblea generale. Nel suo intervento De Albertis ha anche menzionato il «tavolo di lavoro aperto con il Comune e presentato una proposta operativa per contemperare, nel piano della mobilità, la creazione di parcheggi nel sottosuolo e la rigenerazione degli spazi all’aperto, lasciati liberi dalle auto».

Immediata la replica alla presidente di Ance da parte del sindaco Beppe Sala: «Abbiamo dichiarato i divieti di Area B tempo addietro. Esiste ovviamente il rischio che tanti che sono abituati a venire in ufficio con la macchina non potranno farlo, ma dobbiamo un po’ compendiare le esigenze del lavoro con i tanti, tantissimi che vogliono vedere azioni per migliorare la qualità dell’aria».

A rincarare la dose di critiche è stato Luca Bernardo, capogruppo della Lista Civica a Milano, già candidato sindaco del centro destra: «In questo momento così difficile per famiglie e imprese è davvero ingiusto bloccare la circolazione dei Diesel Euro 4 e 5 nell’area B. Non si aiuta l’ambiente con decisioni non strutturali. Di certo si danneggia l’economia già gravemente provata dalla pandemia e ora dalla grave congiuntura economica internazionale. Le categorie sono fortemente preoccupate», ha commentato.

Gli esclusi da Area B

Secondo i dati Aci, sarebbero quasi 1,3 milioni le auto in Lombardia che non potranno più accedere e circolare nell’Area B di Milano dal prossimo 1° ottobre, con l’entrata in vigore dei divieti per benzina euro 2 e diesel euro 4 e 5. In base a dati Aci, si tratterebbe di 235.251 benzina euro 2, 449.192 gasolio euro 4 e 592.691 euro 5. Le auto benzina euro 2 e le diesel euro 4 con fap poco “efficaci” (emissione superiori a 0,0045 g/km) non potranno più circolare neanche in Regione da ottobre a marzo nei 209 comuni di fascia 1 e in quelli con più di 30mila abitanti in fascia 2 (low emission zones). A Milano «le auto messe al bando sono 107.100 (27.898 benzina euro 2, 30.806 gasolio euro 4, 48.396 gasolio euro 5)», dice Aci.  Considerando la provincia il numero sale a 314.053 (67.524 benzina euro 2, 99.787 gasolio euro 4, 146.742 euro 5).

 

19 Settembre 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo
Articoli correlati
Milano
Continue risse e violenze, chiuso il Number One di Arese
I sigilli sono scattati dopo che, lo scorso gennaio, si era consumata una rissa tra più persone con tanto di lancio di tavoli e sedie di plastica
Milano
Moda e design dialogano nel segno della sostenibilità
Oggi negli spazi di Base e nel segno della sostenibilità, nell'ambito dell'evento Milano Circolare 2024, l'assessora allo Sviluppo economico con delega a Moda e Design Alessia Cappello ha incontrato in un inedito dialogo a tre la presidente del Salone del Mobile.Milano, Maria Porro, e il presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa
Milano
Coldiretti, ripiantati a Milano gli abeti natalizi con Campagna Amica
Ripiantati in un'area verde delle case popolari di Calvairate-Molise-Ponti i dodici alberi che dopo le festività natalizie i clienti del mercato agricolo di Porta Romana hanno riconsegnato a Campagna Amica per non farli morire
Milano
L’università Milano Bicocca contro la violenza di genere
Si intitola “Saperi e competenze contro la violenza di genere” l'incontro che si terrà il 4 marzo a partire da mezzogiorno, nella Sala Rodolfi, Edificio Agorà/U6 in piazza dell'Ateneo Nuovo, 1
Milano
Incendio nel milanese, VVFF: «C’è ancora il rischio di crolli»
Prosegue l'opera delle squadre dei Vigili del Fuoco impegnate da ieri pomeriggio nell'incendio che ha distrutto un capannone industriale a Cavaione, frazione di Truccazzano