Palinsesto Mediaset
12:32 pm, 30 Giugno 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Nel palinsesto Mediaset tra Chiambretti e Can Yaman

Di: Redazione Metronews
palinsesto Mediaset
condividi

Presentato il palinsesto Mediaset d’autunno, tra riconferme e novità: dalla De Filippi ad Argentero e Siani, passando per Francesca Chiellini e Can Yaman.

Palinsesto Mediaset tra Chiambretti e Yaman

Talentissimo me con Chiambretti e i bambini talentuosi, ma “non è un talent”. La Talpa, affidata alla Fascino di Maria De Filippi con conduzione ancora da definire. Mai dire goal, in forma di serata o serate evento, una scelta sentita ma ancora working in progress. Mia mamma tuo papà per un confronto fra punti di vista generazionali. Reality super confermati “perché la televisione deve intrattenere”. Striscia la notizia super omaggiata perché “è Canale5”, che potrebbe ripartire con la coppia Luca Argentero e Alessandro Siani. Maria De Filippi in tre versioni e il suo sabato granitico. Rete 4 senza cambiare una virgola perché “è una sfida vinta”. E le fiction, un prodotto su cui investire di nuovo “gradualmente” annunciando subito le cinque new entry: Il patriarca con Claudio Amendola, L’anima gemella con Daniele Liotti, La ragazza di Corleone con Rosa Diletta Rossi, Fortunato Cerlino e Alessandro Fella. Il biografico in 3 serate Bardot con Julia de Nunez e Viola con Francesca Chillemi e Can Yaman. Questa la foto delle novità Mediaset in palinsesto dopo l’estate illustrate dal padrone di casa, Pier Silvio Berlusconi, a Cologno Monzese.

Parola di Pier Silvio Berlusconi

«Noi vi presentiamo prodotti che andranno da settembre e proseguiranno per tutta la primavera. Alcuni sono già in palinsesto – spiega – e hanno una posizione molto chiara, mi riferisco per esempio al Grande Fratello Vip o ai programmi di Maria De Filippi (Tu si que vales, C’è posta per te, Amici), altri hanno una posizione ancora incerta che potrebbe cadere sul finire dell’autunno o nella primavera prossima. Una delle novità è un prodotto fatto con Piero Chiambretti su Canale 5 in prima serata, Talentissimo me, attraverserà il mondo dei bambini, non è un talent, ci saranno cose molto simpatiche. Si tenterà di capire il loro punto di vista ma ci saranno anche dei pezzi con dei bambini che hanno dei talenti particolari. Questo prodotto nasce dalla voglia di Piero di lavorare con i bambini. Nella prossima stagione avremo3-4 puntate sperimentali. Ci buttiamo». Il vicepresidente di Mediaset e amministratore delegato Pier Silvio Berlusconi, parte, quindi, da Talentissimo me per raccontare le novità della stagione.

E lo fa dopo aver sottolineato i due anni “tostissimi” fra pandemia e poi la recente guerra, il calo dell’attenzione e della pubblicità dovuto anche ai tanti device più che sdoganati, ma anche la “lucidità e la forza” di Mediaset di essere riuscita a ripartire al meglio tagliando i costi, ma assolutamente non l’occupazione.

La soddisfazione generale

Una soddisfazione rimarcata anche dal direttore generale Palinsesti Marco Paolini. «Il nostro punto di partenza sono i risultati che avete visto» spiega riferendosi a quanto evidenziato nel filmato mostrato alla stampa: “Mediaset nel 2022 è stato l’unico broadcaster italiano a crescere nel campione d’ascolto più largo, considerando cioè tutto il pubblico, tutta la giornata e tutti gli eventi trasmessi, compreso il Festival di Sanremo. Un aumento di audicence di 2,2 punti di share. E in più il nostro pubblico è più giovane, il più difficile da raggiungere. Mediaset è leader in tutte le fasce di età più interessanti, dall’area bambini-ragazzi fino agli ultra cinquantenni con distacchi che arrivano a 20 punti percentuali”. Una constatazione sulla base della quale Paolini dice: “I palinsesti del prossimo anno televisivo, più o meno, riflettono l’impostazione attuale perché siamo andati bene».

Le novità nel palinsesto Mediaset

«La seconda novità – espone l’ad Berlusconi nel suo outfit consueto, jeans e giacca blu – è che La Talpa, di cui lo scorso anno avevamo parlato in termini di acquisizione del format, verrà prodotta per il prime time di Canale 5. Per i nomi dovrete aspettare la prossima primavera. Sarà prodotta dalla Fascino. Ci lavorerà, quindi, tutta la nostra squadra di Maria De Filippi e di questo siamo felici. Il formato base è quello noto, ma sarà tutto modernizzato ed evoluto. Poi c’è una terza novità che è ancora work in progress, ma ci piace moltissimo. Fare un evento in prima serata su Canale5 per celebrare i 30 anni e oltre di Mai dire goal. E così nella prossima primavera speriamo di riuscirci. Stiamo lavorando con la Gialappas e coinvolgendo i comici storici. Su Italia1 poi la bellezza di 8 prodotti fra riconferme come Le Iene (che da settembre con Teo e Belen torneranno però in un giorno fisso, il martedì, e senza interruzione fino a giugno, a parte il periodo delle Strenne) e Back to school con Federica Panicucci, e novità come Mia mamma e tuo papà che unisce una sorta di meccanismo da reality e giochi di interazione fra genitori e figli con i loro diversi punti di vista».
L’illustrazione delle novità, sì, ma anche i motivi per cui ritenersi soddisfatti. «Nelle 24 ore, nei primi sei mesi dell’anno, sulle fasce più giovani Italia1 vale più del doppio di Rai2. E forse questo spiega perché la Rai, presentando i propri palinsesti, ha insistito tanto su Rai2», dice Paolini.

Rete4 e l’informazione

Il palinsesto di Rete4 con il prime time scandito dai programmi di informazione Zona Bianca, Quarta Repubblica, Fuori dal coro, Controcorrente. E, ancora, Dritto e rovescio, Quarto grado.  «Una sfida vinta – dice l’ad di Mediaset -. Ci credevano davvero in pochi nella ripartenza di questa nuova Rete4. E invece oggi ci dà grande soddisfazione». E, come conferma Paolini, per questo “non cambiamo assolutamente nulla come titoli, naturalmente cambieranno i contenuti e la maniera di approcciare i temi”.

E i Mondiali in Qatar? «Non trovate accenno particolare al periodo dei mondiali – chiarisce Paolini – perché, al di là del fatto che sono un evento strano tenendosi per la prima volta in autunno, non inciderà più di tanto sulla nostra normale programmazione. Perché non gioca l’Italia ed è quindi un evento depotenziato e poi per una questione di orari. Ad eccezione del momento in cui ci saranno le fasi finali con supplementari e rigori, le partite che possono interessare all’area del prime time, finiranno alle 21,30, orario di partenza dei nostri programmi».

30 Giugno 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA