Fatti&Storie

La Dj morta voleva andare alla Piramide della Luce

giallo di caronia

MESSINA "Viviana vuole recarsi alla "Piramide della Luce", sita in Moffa D'Affermo. Nei giorni antecedenti la scomparsa, infatti, chiede a Mariella Mondello e Maurizio Mondello dove si trovi la piramide suddetta (una installazione artistica cui, nel tempo, si è legata una diffusa mistica). Il riaccendersi dei casi di Covid acuisce la paura che qualcosa possa accadere alla propria famiglia; in particolare al proprio figlioletto". Lo ha scritto su Facebook Claudio Mondello, legale e cugino di Daniele Mondello, il marito di Viviana Parisi, trovata morta nei boschi di Caronia lo scorso 8 agosto. Il legale racconta sul social gli ultimi movimenti della donna. "Con una scusa "esco a comprare un paio di scarpe per Gioele" si assicura di eludere ogni forma di vigilanza e di avere il piccolo in macchina (non dice, invero, "esco a comprare un giocattolo per Giole" ma, di converso, "un paio di scarpe per Giole" - scrive - per il tramite di questo artificio, infatti, sarebbe stato necessario che questi - Gioele - le indossasse prima di un eventuale acquisto pertanto avrebbe dovuto, necessariamente, allontanarsi in macchina con lei)".

Gli ultimi spostamenti

"Daniele non ci trova nulla di strano e scende in sala registrazione (oggi, persino la stampa, riferisce che non si contano gli elementi probatori che lo collocano a 100 km dal luogo dell'incidente)". E racconta: "Ieri mi sono recato a S.Agata di Militello: dopo la stazione di rifornimento di Tindari non ve ne sono altre che costeggino l'autostrada: la macchina aveva, probabilmente, la benzina necessaria a muoversi da Venetico (luogo di partenza) alle immediate vicinanze (Milazzo dista appena 15 km dalla casa dei coniugi) e, quindi, ad un certo punto, nell’allontanarsi per un tragitto di più di 100km, il carburante si esaurisce. Viviana esce, pertanto, a S.Agata di Militello a fare rifornimento".

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie