Fatti&Storie

Brexit, l'ipotesi di un rinvio al 2021

Brexit

L'ipotesi di un rinvio della Brexit al 2021. Fonti Ue hanno infatti riferito al Guardian che la Brexit potrebbe essere rinviata fino al 2021, scrive il quotidiano britannico che cita alti funzionari di Bruxelles, secondo cui i leader dell'Ue "sono propensi per un'estensione che possa garantire un periodo soddisfacente per risolvere i problemi in sospeso". "Un'estensione di 21 mesi avrebbe senso in quanto coprirebbe il periodo di bilancio dell'Ue e faciliterebbe le cose", aggiunge la fonte. 

May.  La premier britannica, Theresa May, ha dichiarato che non ci sarà un voto sulla Brexit questa settimana e ha promesso che la votazione a Westminster sulla sua proposta per lasciare l'Ue si terrà il 12 marzo. "Non ci sarà un voto significativo in Parlamento questo settimana ma ci assicureremo che si svolga il 12 marzo", ha riferito ai giornalisti durante il suo viaggio verso l'Egitto per il summit tra Ue e Lega araba.  I laburisti britannici giudicano "cinica e avventata" la decisione della premier britannica di rinviare il voto su Brexit al 12 marzo, o comunque entro quella data e sicuramente non questa settimana. "La decisione di ritardare ulteriormente il voto decisivo è cinica e avventata. I deputati non devono essere stretti in una falsa scelta tra nessun accordo e l'accordo di May", ha scritto il deputato David Lammy. Il ministro ombra dei laburisti per la Brexit, Keir Starmer, la definisce "apice dell'irresponsabilità e un'ammissione del fallimento" di May. 

 

Articoli Correlati
Fatti&Storie