Sport

Juventus-Lazio Biancocelesti, infermeria piena

Auto

CALCIO Allo Stadium la Juventus non sbaglia praticamente mai. Si sa. E i numeri l’accompagnano: in casa propria i bianconeri non perdono da oltre due anni, dal momento che l’ultimo ko risale al 23 agosto 2015, prima giornata di campionato contro l’Udinese (0-1, rete di Thereau). Da allora, la Signora ha collezionato 38 vittorie e tre pareggi. Lazio vittima predestinata, allora, domani pomeriggio (ore 18)? Anche no, avendo vinto la Supercoppa ad agosto. Certo le servirà un mezzo miracolo, anche perché a Torino i biancocelesti non vincono in campionato dal preistorico 15 dicembre 2002 (1-2, doppietta di Fiore: Buffon unico superstite): avendo ai box Basta e Lukaku, con gli altri esterni Marusic e Patric pure acciaccati, Inzaghi dovrà inventarsi qualcosa. Di contro, Allegri rilancerà Dybala e ovviamente Higuain, il quale in settimana ha tifato per la “sua” Argentina sperando di tornare a farvi parte e che ha proprio nella Lazio il suo bersaglio preferito: vestendo le maglie di Napoli e Juventus, il Pipita le ha finora segnato 13 reti in 15 presenze. Una media irreale, ecco.  Per completare l’attacco, dove dovrebbe trovare posto Bernardeschi al posto di Cuadrado, il tecnico livornese potrebbe poi pensare a Douglas Costa: Mandzukic si è infatti spremuto con la Croazia e dovrebbe essere preservato in vista dell’impegno casalingo di mercoledì contro lo Sporting Lisbona. Match di Champions, certo: da non fallire.

DOMENICO LATAGLIATA

 

Articoli Correlati
Sport