Cinema
5:00 am, 16 Aprile 24 calendario

Michela Giraud: «Con Flaminia do voce alla diversità e alla disabilità»

Di: Patrizia Pertuso
condividi

In molti la ricorderanno per la sua partecipazione a LOL Chi ride è fuori nel 2021 e 2022; altri per quel La verità, lo giuro! trasmesso su Netflix che è, in qualche modo, il punto di partenza per questo suo primo film come regista, Flaminia, già in sala. Lei, Michela Giraud, ha un passato da stand-up comedian di tutto rispetto che ha sempre usato con ironia e sarcasmo per smantellare i luoghi comuni.

Rita Abela è Flaminia nel film di Michela Giraud

Con Flaminia racconta, come dice lei stessa, «la cosa più vicina a quello che sono nella vita». Ad ispirarla, la sorella Cristina che nel film diventa la protagonista interpretata da Rita Abela.

«Volevo fare un film che parlasse ai ragazzi della mia età – spiega Giraud riferendosi ai “ragazzi dell’87” -, perché non se li caga nessuno. Volevo parlare del tema della disabilità (l’autismo della sorella, ndr) e della diversità. E poi volevo prendere per il culo il mio quartiere (Roma Nord, ndr)».

La sua storia incrocia quella di Cristina, la sorella della regista

La storia di Flaminia incrocia quella di Cristina anche se Michela Giraud ci tiene a sottolineare che «Cristina ce l’avevo già. E sapevo che rischiava di divorare Rita a livello emotivo, perché mia sorella è davvero una tempesta d’amore, di sofferenza, di paraculaggine, di rabbia. Di lei ho preso l’aspetto favolistico».

E subito aggiunge: «Io vengo da Roma Nord che è un luogo simbolico: identifica una borghesia che non è attenta alle diversità. Io e mia sorella, soprattutto quando andavo in spiaggia, non eravamo molto accolte. Soffrivo di questo, però non mi sono mai vergognata di lei: io mia sorella l’ho orgogliosamente sempre portata ovunque. Però faticavo: quando hai 12 anni e sei una busta de cocce de fave che al massimo usava il Topexan, non come oggi che a 13 anni fanno la skincare, era più difficile. Siamo andate sempre in giro ovunque».

Nel cast anche l’ultima partecipazione di Andrea Purgatori

Così Cristina diventa Flaminia e entra nel mondo cinematografico. Oltre a Rita Abela, il cast vede, fra gli altri, anche Lucrezia Lante della Rovere, Antonello Fassari e Andrea Purgatori (nella sua ultima partecipazione) con suo figlio Edoardo proprio nei ruoli di padre e figlio.

La storia di Flaminia

Nel film Flaminia De Angelis è tutto quello che una ragazza di Roma Nord dev’essere: sorridente, ossessionata dalla forma fisica, ricca o meglio arricchita. Sotto la pressione di sua madre Francesca, sta per sposare Alberto, il figlio di un importante diplomatico regalando. Ma quando nella sua vita piomba Ludovica, la sorellastra, metterà a nudo tutte le ipocrisie con cui Flaminia credeva di convivere benissimo.

PATRIZIA PERTUSO

16 Aprile 2024 ( modificato il 15 Aprile 2024 | 13:01 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo
Articoli correlati
Cinema
Al via l’edizione 2024 di “Cartoons on the Bay” da Pescara
Il festival internazionale dell’animazione, della transmedialità e delle meta arti in programma fino al 2 giugno ospita, fra gli altri, John Musker, Leslie Iwerks, Juanio Guarnido e Sara Pichelli
Cinema
Catrinel Marlon: «I manicomi oggi sono tra le mura domestiche»
L'ex modella e attrice debutta alla regia del film “Girasoli” dal 23 al cinema in cui affronta il tema dei reparti pediatrici nei manicomi. Nel cast, Gaia Girace, Mariarosaria Mingione e Monica Guerritore
Cinema
Cannes, Roberto Andò torna in Sicilia per “L’Abbaglio”
Presentato al Festival di Cannes il nuovo film diretto da Roberto Andò, che dopo il grande successo de “La Stranezza”, è tornato a girare in Sicilia per “L’Abbaglio”. Nel cast si ritrovano nuovamente insieme Toni Servillo, Salvo Ficarra e Valentino Picone,  protagonisti del film
Cinema
“Io sono un po’ matto e tu?”, sold out a Roma e Milano per il film di D’Ambrosi
Presentato in anteprima nazionale al Torino Film Festival, il film del fondatore del Teatro Patologico sarà proiettato stasera al cinema Adriano di Roma e domani al Gloria di Milano. Oltre al regista, parteciperanno anche diversi attori del cast
Cinema
Addio a Mark Damon, protagonista degli spaghetti western
L’attore statunitense che conquistò il successo a Cinecittà, protagonista di numerosi spaghetti western prima di dedicarsi alla distribuzione cinematografica all’estero e di produrre film come “9 settimane e mezzo”, “Orchidea selvaggia” e “La storia infinita”, è morto per cause naturali a Los Angeles all’età di 91 anni