Serie
8:59 am, 17 Settembre 21 calendario
4 minuti di lettura lettura

Su Netflix 50 titoli italiani in arrivo

Di: Redazione Metronews
condividi

SERIE TV Netflix ha intenzione di portare nei 190 Paesi dove il servizio è attivo “un’Italia fuori dagli stereotipi del sole, del buon cibo e dell’uomo aitante in canottiera”. Eleonora Tinny Andreatta, Vice Presidente delle Serie Originali Italiane Netflix, lo dice chiaramente. E annuncia che tra il 2022 e il 2023 arriveranno sulla piattaforma ben “45 titoli italiani”. Di questi, 8 nel 2022 e 12 nel 2023 saranno serie di vari generi e formati. Dalle storie originali, a quelle basate su storie vere a gli adattamenti dai romanzi, tra commedie, dramedy, action e anche l’animazione di Zerocalcare.

Netflix tra la Golino e Bruni

Una produzione diversificata che vedrà arrivare sulla piattaforma la serie in sei puntate “La vita bugiarda degli adulti”, diretta da Edoardo De Angelis e tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante. Con protagonista Valeria Golino in un ruolo inedito e complesso, sul set a Napoli da ottobre. Ma anche la più attuale “Tutto chiede salvezza”, già sul set diretta da Francesco Bruni, che adatta in un dramey il romanzo autobiografico di Daniele Mencarelli su un ventenne che ha un crollo psicologico e viene sottoposto a Tso (l’attore Federico Cesari).

Nemesis la serie

E ancora: la serie “Nemesis”, una storia originale creata da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo che è “un thriller mystery” con personaggi ambigui, in un gioco di specchi su temi esistenziali forti.  La serie “Briganti”, ambientata nel sud Italia postunitario, “una storia che unisce epica e action, scritta dal collettivo Grams”. “Lidia Poet” che romanza la vera storia della prima avvocatessa italiana, interpretata da Matilda De Angelis e diretta da Matteo Rovere e Letizia. «Storie autentiche, locali e uniche, ma che possono aprirsi al mondo», dice Andreatta che conferma anche la produzione di Skam 5, in fase di scrittura.

Non sarà su Netflix

Non diventerà una serie o un film Netflix invece “M – Il Figlio del Secolo”, il romanzo di Antonio Scurati su Mussolini. Proprio nei giorni scorsi l’autore aveva lasciato intendere di essere pentito della collaborazione alla trasposizione. «Credo che sia un bellissimo e difficile romanzo. Auguro a chiunque lo realizzerà un grande successo – dice Andreatta – ma non è in questo momento un progetto Netflix». E parlando di serie a sfondo politico, la vice presidente spiega che al momento «non c’è un House of Cards italiano ma non è escluso che possa arrivare in futuro».

Zerocalcare

Le nuove serie si uniscono alle produzioni seriali italiane già annunciate ed in varie fasi di produzione. Tra queste: “Luna Park”, in uscita il prossimo 30 Settembre. E poi “Guida Astrologica per Cuori Infranti”, basata sull’omonimo libro di Silvia Zucca. “Strappare lungo i bordi”, la prima serie di animazione scritta e diretta da Zerocalcare (“che – dice Andreatta – potrebbe arrivare anche prima del previsto, forse entro l’anno”). E ancora: “Incastrati” di e con Ficarra e Picone e “Fedeltà”, ispirata al libro di Marco Missiroli, vincitore del Premio Strega Giovani.

17 Settembre 2021 ( modificato il 16 Settembre 2021 | 16:36 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA