Paralisi: la speranza passa da un esperimento

  • Medicina

Svizzera Un uomo, con una lesione al midollo spinale e costretto sulla sedia a rotelle, è riuscito a camminare grazie a una nuova rivoluzionaria tecnica, una stimolazione elettrica che compensa il danno subito a livello del midollo spinale. 
Esperimento a Losanna 
L’esperimento, realizzato dai ricercatori dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Losanna e pubblicato su Nature, ha utilizzato impianti di stimolazione elettrica nel midollo spinale per portare i messaggi dal cervello, attraverso la zona danneggiata del midollo, in una parte non danneggiata più in basso. Grazie all’impianto, anche altri due uomini sono riusciti a recuperare il controllo dei muscoli delle gambe. Gli effetti della cura sono perdurati oltre la stimolazione elettrica e «tutti i partecipanti hanno registrato qualche miglioramento nel movimento muscolare anche dopo la terapia di stimolazione».
Risultati sorprendenti
Anche se i risultati sono sorprendenti, i ricercatori insistono nel sottolineare che la terapia - chiamata “stimolazione elettrica epidurale” - è ancora nelle fasi iniziali e non è ancora chiaro chi possa sottoporsi a questo tipo di cure. 
Già a settembre le riviste Nature Medicine e New England Journal of Medicine avevano riferito di tre persone, tutte paralizzate agli arti inferiori, tornate a camminare di nuovo, grazie a un impianto elettrico, fissato al midollo spinale e che permette di “aggirare” la lesione dando ai muscoli le istruzioni di movimento, inviate dal cervello. Un successo raggiunto dai gruppi di ricerca statunitensi della University of Louisville, in Kentucky, e della Mayo Clinic, in Minnesota. Anche in questo caso, il sistema sperimentato non ripara le lesioni, ma le “aggira” stimolando i nervi inferiori del midollo spinale; e questo permette ai segnali provenienti dal cervello di raggiungere i muscoli interessati, in modo che una persona possa controllare di nuovo i suoi movimenti. Quando la stimolazione si spegne, non avviene più alcun movimento in modo consapevole. Il neurochirurgo Kendall Lee ha espresso soddisfazione, ma anche cautela: «Siamo ancora in una fase molto precoce della ricerca».

Articoli Correlati

Separate gemelle siamesiErano unite dalla testa

Operate al Bambin Gesù. Primo caso in Italia e probabilmente al mondo

"Gli specializzandi?Attenti alle conseguenze"

Università, denuncia contro gli effetti di un emendamento che anticipa al terzo anno di specializzazione l’avvio della pratica in ospedale

Al Rizzoli di Bolognacaviglia stampata in 3D

L'inedita protesi su misura è nata dalla collaborazione tra ortopedici e ingegneri