Meteo
 


Spettacoli

Il Volo compie 10 anni e festeggia con un best of

Musica/Il Volo

MILANO Dieci anni di carriera per Il Volo. Ma i tre cantanti non lo considerano un punto d’arrivo: «Semmai una virgola, per i prossimi dieci anni e gli altri che verranno – scherzano – In ogni caso il nostro obiettivo non cambia: portare avanti il genere di Pavarotti e Bocelli e farlo conoscere ai giovani».

Intanto il trio, reduce da un tour in America Latina e in procinto di partire per altri live in Nord America, torna in Italia per qualche giorno per festeggiare il traguardo raggiunto.

Una storia, la loro, fatta di grandi numeri, a dispetto delle critiche ricevute: oltre due milioni di dischi venduti, 220 milioni di streaming, oltre 500 milioni di visualizzazioni e più di un milione di iscritti sul canale ufficiale YouTube.

Venerdì uscirà “10 Years”, best che raccoglie i loro più grandi successi, da “Grande amore” alle cover di “O sole mio” e “My Way”, molto apprezzati in tutto il mondo. E per i fan più accaniti c’è anche la versione in dvd con le immagini del concerto tenuto in giugno a Matera.

Sabato, alle 17.30, dal centro commerciale Roma Est parte l’instore tour, che proseguirà domenica al Mondadori Megastore di piazza Duomo a Milano, alle 16, con uno speciale mini live. Seguiranno altri incontri a Bologna (13) e Marcianise-Caserta (14). Mentre il 19 novembre su Canale 5  verrà trasmesso uno special televisivo.

«Sono stati dieci anni importanti, abbiamo iniziato da ragazzini e ora siamo uomini. Ci sono stati momenti bellissimi e altri difficili, ma siamo uniti più che mai. I primi anni, magari, ci scappava qualche litigio, poi siamo maturati e ora andiamo più d’accordo. La nostra priorità è mantenere la calma e la serenità per fare delle cose sempre più belle», dice Piero Barone.

Il trio, al momento, non si sbilancia sul suo futuro, ma si sussurra di un progetto speciale per Pasqua. E, poi, forse un nuovo album.

«Di certo dobbiamo rimanere noi stessi. Abbiamo provato qualche esperimento, ma abbiamo capito che la chiave del nostro successo è proprio il pop lirico. Noi facciamo la nostra musica, ma rispettiamo tutto. Ed è importante che i ragazzi abbiano una cultura musicale, che conoscano tutto», aggiunge Gianluca Ginoble.

Gli fa eco Ignazio Boschetto: «Noi portiamo la tradizione italiana nel mondo, non siamo quelli della trap tipo Sfera Ebbasta. Non siamo artisti da streaming, ma da progetto».

Sull’argomento continua Piero: «E poi, forse, qualcuno dovrebbe controllare certi testi che si  sentono in giro e arrivano ai più giovani. Non parlo di censura, ma credo sia giusto mandare dei messaggi positivi ai ragazzi».

Il Volo tornerà in estate in Italia per due date speciali: il 30 agosto all’Arena di Verona e il 4 settembre al Teatro Antico di Taormina. In mezzo ci saranno tanti concerti all’estero, dove contano una vasta platea di fan: «Quando andiamo all’estero, vediamo che la cultura italiana viene stimata e apprezzata. E in campi come moda e musica veniamo portati come esempi da seguire», continua Piero.

Tutti e tre, infine, stigmatizzano le recenti polemiche sugli insulti razzisti a Balotelli: «Il razzismo non ci sfiora proprio, noi abbiamo amici di ogni etnia. C’è tanta ignoranza in giro nell’offendere le diversità. Una vergogna».

DIEGO PERUGINI

 

 

 

 

Spettacoli