Fatti&Storie

I vigili chiudono la casa delle sexy bambole

TORINO

TORINO Una diffida a proseguire l’attività. L’hanno consegnata gli agenti della polizia municipale di Torino ai gestori di “LumiDolls”, la prima casa d’appuntamenti con bambole in silicone in Italia che era stata aperta solo una decina di giorni fa e aveva già fatto registrare il tutto esaurito. Dai controlli dei vigli sarebbe emerso che l’attività di ospitalità non era a norma con le licenze da negozio e dunque vi sarebbe stato un esercizio abusivo di affittacamere (i clienti pagavano 80 euro per ogni mezz’ora di utilizzo delle stanze). Insieme agli agenti della municipale sono entrati nei locali a Mirafiori anche gli ispettori della Asl per verificare il rispetto delle prescrizioni sanitarie e la gestione della pulizia igienica delle bambole.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie