Fatti&Storie

Grazie al nuovo 112 filtrate le chiamate inutili

TORINO 112

TORINO In un anno quasi una telefonata su due al Numero unico per le emergenze, il 112, è stata fermata in tempo. Lo ha sottolineato ieri l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta (nella foto) durante la IV Commissione del Consiglio regionale.

Le due centrali uniche di Grugliasco e Saluzzo hanno ricevuto 1.488.759 chiamate. Il 45,9% di queste, 682.884, si sono rivelate inappropriate, mentre quelle effettivamente inoltrate sono stata 805.875: 362.919 all’emergenza sanitaria, 250.128 ai Carabinieri, 104.950 alla Polizia di Stato, 76.049 ai Vigili del Fuoco e 11.829 alla Polizia locale della Città di Torino.

«In questo senso è importante il grande lavoro di filtro delle chiamate che viene effettuato e che consente a chi deve intervenire di concentrarsi solo sulle reali emergenze», ha spiegato l’assessore. Le opposizioni e i sindacati hanno invece sottolineato alcuni problemi, come la mancanza di connessione Internet nelle centrali e di geolocalizzazione dei mezzi, ma anche la riduzione degli operatori: «In Piemonte siamo pronti a potenziare ulteriormente le due centrali uniche», ha assicurato Saitta. Si passerà da 34 a 44 operatori a Grugliasco e da 32 a 37 a Saluzzo. Per i sindacati, invece, resta il problema dei tempi per gli interventi di primo soccorso che si sono allungati.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Fatti&Storie