Fatti&Storie

Sospetto caso di tetano Bimba risponde alle cure

TORINO

TORINO I genitori l’hanno accompagnata sabato pomeriggio al pronto soccorso dell’ospedale Regina Margherita. La loro bambina di sette anni era afflitta da spasmi e convulsioni, i sintomi tipici del tetano. I medici hanno parlato con il padre e la mdre, una coppia di italiani, scoprendo che la figlia non era mai stata vaccinata contro il batterio, ed hanno subito avviato la terapia indicata contro la malattia.

Eppure contro tetano, poliomelite, epatite B e difterite i vaccini sono obbligatori da molto tempo. Ora solo i medici dell’istituto Amedeo di Savoia potranno stabilire con certezza  se la piccola abbia contratto davvero il tetano oppure no, facendo uno screening completo sulle analisi del sangue appartenente alla bambina. Nel frattempo le cure prestate al Regina Margherita sembrano fare effetto. In questi casi la terapia prevista è mirata contro la tossina prodotta dal batterio. La bambina, anche se in prognosi riservata, respira autonomamente e non ha avuto bisogno di essere intubata. Lo staff dell’ospedale ha nel frattempo inviato una segnalazione al ministero della Salute. I casi di tetano registrati in Piemonte su bambini al di sotto dei 4 anni dal 2007 a oggi erano stati finora solo due.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie