Plusvalenze
4:02 pm, 20 Gennaio 23 calendario

Plusvalenze, Procura Figc chiede 9 punti penalità alla Juventus

Di: Redazione Metronews
Juventus Procura
condividi

La Procura della Federcalcio ha chiesto 9 punti di penalizzazione per la Juventus. Questo quanto emerge dall’udienza, in corso alla Corte d’Appello della Federcalcio, nella quale si sta discutendo sulla riapertura o meno del «caso plusvalenze» che coinvolge il club bianconero e altri 8 club. Per le altre società (Sampdoria, Empoli, Genoa, Parma, Pisa, Pescara, Pro Vercelli e il vecchio Novara) il procuratore Chinè sembrerebbe intenzionato a confermare le stesse richieste di pene della primavera scorsa, cioè soltanto ammende e inibizioni per i dirigenti. Prima di tutto, però, la Corte dovrà pronunciarsi sull’istanza di revoca della sentenza di assoluzione del 17 maggio.

Juventus, la Procura fa sul serio

Chinè ha inoltre chiesto 16 mesi di inibizione per Andrea Agnelli, 20 mesi e 10 giorni per l’ex ds Fabio Paratici, 10 mesi per Cherubini, 12 mesi per Nedved, Garimberti e Arrivabene. A seguire l’udienza c’era anche il nuovo presidente della Juventus, Gianluca Ferrero, in collegamento da Torino. Oltre ai legali, per il club bianconero c’è anche il ds Federico Cherubini, mentre è collegato anche Fabio Paratici, ex dirigente Juve ora al Tottenham.

Mercoledì scorso il nuovo numero uno della Juventus, Gianluca Ferrero ( a cui in occasione di Juventus-Monza Andrea Agnelli ha consegnato simbolicamente la maglia numero uno), è stato molto chiaro sul futuro.

«Nei prossimi mesi – ha infatti detto infatti il neo presidente- ci aspettano delle sfide per le quali come CdA riteniamo di avere l’esperienza, la competenza e la determinazione per difendere la Juventus in tutte le sedi competenti, penale, sportiva e civile. Lo faremo con determinazione, rigore, ma anche con pacatezza, senza arroganza».  E poi: «Abbiamo sempre rispettato e rispetteremo tutti coloro che sono chiamati a giudicarci – ha proseguito- ma quello che vogliamo è uguale rispetto per noi, per la società e per la squadra. E poter discutere nelle sedi competenti con serietà e rigore».

La Corte, presieduta ancora dal giudice Torsello, si riunirà in camera di consiglio.

Per poi esprimersi prima sull’ammissibilità del ricorso della Procura, poi – nel caso venga accolto – nel merito: la Juve e gli altri club potrebbero in teoria essere nuovamente assolti, altrimenti si conosceranno le condanne

20 Gennaio 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA