energia
11:54 am, 16 Settembre 21 calendario

Caro bollette, possibile intervento del Governo da 3 miliardi

Di: Redazione Metronews
In arrivo aumento del 40% sulle bollette elettriche
condividi

Saranno sul tavolo di un Consiglio dei ministri la prossima settimana le prime misure per contrastare il rincaro delle bollette. “Stiamo lavorando e occorre fare delle valutazioni quantitative piuttosto complesse”, spiegano fonti di governo vicine al dossier. Il governo lavora alacremente per evitare gli aumenti, al centro a Palazzo Chigi di un vertice tra il premier Mario Draghi e i ministri Roberto Cingolani e Daniele Franco. Gli interventi con cui arginare gli aumenti sono ancora allo studio, per questo il governo potrebbe necessitare ancora di qualche giorno prima di attuare un intervento strutturale.

Bollette, in pista 3 miliardi

Il Governo ha intenzione di stanziare intorno a 3 miliardi di euro per evitare il rincaro della bolletta nel quarto trimestre, ha annunciato il ministro per la Transizione energetica, Roberto Cingolani. «Bisogna ragionare su come viene costruita la bolletta» energetica «e qui va un po’ riscritto il metodo di calcolo. Lo stiamo facendo in queste ore. Stiamo lavorando. C’è da mettere in piedi un intervento strutturale perchè sono aumenti che rimarranno in bolletta per cui bisognerà lavorare sulla parte strutturale», ha spiegato. «E’ sotto gli occhi di tutti che il gas stia aumentando in maniera costante, essendo la materia prima per produrre elettricità e noi ne avremo un effetto importante sulla bolletta. Circa l’80% degli aumenti provengono dal gas. C’è da mitigare innanzitutto il trimestre perché a fine mese il trimestre chiude e avremo i numeri precisi ma sappiamo che l’aumento è importante e questo succede in tutto il mondo e in tutta Europa perché è un mercato globale», ha detto Cingolani.

Confcommercio

Confcommercio stima, “per il prossimo mese di ottobre, incrementi dei costi per le imprese che potranno attestarsi sul 42% per l’elettricità e sul 38% per il gas. Si prevede che già dal prossimo mese di ottobre, il Prezzo Unico Nazionale (Pun) possa registrare un incremento di quasi il 50% rispetto al trimestre precedente e di oltre il 400% rispetto al corrispondente trimestre del 2020. Ciò, a sua volta, determinerà effetti significativi sull’andamento dell’inflazione nel breve termine”. “La crisi che sta investendo i mercati dell’elettricità e del gas non ha paragoni con il recente passato ed ha una gravità che richiede misure urgenti ed immediate -spiega Confcommercio-. Il dato trova conforto dall’andamento dei prezzi dell’elettricità nel mercato all’ingrosso. Oggi, 16 settembre, il prezzo medio giornaliero in Italia ha raggiunto il record di 183,42 euro a megawatt/ora. Soltanto un anno fa, nel secondo trimestre 2020, il prezzo medio giornaliero dell’elettricità nel mercato all’ingrosso si attestava intorno ai 24,8 euro/MWh. I prezzi del gas sono invece passati da una media del 2020 di 10 euro per megawattora a 170 euro”.

16 Settembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo