Meteo
 


Fatti&Storie

Trovato corpo di un bimbo Quasi certo che sia Gioele

il giallo di caronia

CARONIA. Sarebbero di Gioele i resti trovati vicino all'autostrada Messina-Palermo, nel territorio di Caronia, dove da sedici giorni si cerca il piccolo. Sul posto dopo la segnalazione è giunto il procuratore Angelo Cavallo che coordina le indagini. Si tratta di resti ossei e una magliettina che sarebbe compatibile con quella indossata dal piccolo al momento della sparizione. La segnalazione era stata fatta da un ex carabiniere. Quasi certamente si tratta di Gioele, secondo alcuni investigatori.

Tocca adesso ai familiari di Gioele il duro compito di riconoscere il corpicino martoriato del bimbo ritrovato tra gli arbusti e le sterpaglie. Sul posto si sono recati il padre Daniele Mondello, la zia Mariella e il nonno paterno Letterio. Il piccolo era sparito 16 giorni fa in braccio alla madre Viviana il cui cadavere era stato individuato sotto un traliccio l’8 agosto. Il ritrovamento di oggi è avvenuto non lontano da quel traliccio. Per gli investigatori i resti sono quasi certamente del piccolo. Il corpicino tuttavia è riconoscibile, “martoriato”, l’hanno definito gli inquirenti. Alcuni soccorritori parlando di un tronco coperto da una maglietta che sarebbe compatibile con quella che indossava il piccolo di 4 anni. 

Sul posto si trovano anche due medici legali, la polizia scientifica, uomini della Protezione Civile e le squadre dei vigili del fuoco. La zona è stata inibita all'ingresso dei giornalisti e della folla di volontari e curiosi.

Articoli Correlati
Fatti&Storie