Fatti&Storie

L'Avvenire del tennis all'Ambrosiano

LAMBRATE Milano è la città del giovane tennis: vedi NextGen under 21, “Bonfiglio” under 18 e Coppa Lambertenghi under 12 al “Bonacossa”, e, naturalmente, il Torneo Avvenire, vera perla mondiale degli under 16. Proprio l’Avvenire, giunto alla 55ª edizione, è stato presentato mercoledì mattina nella sua sede, il verdeggiante Tennis Club Ambrosiano di via Feltre. E' stato un “palcoscenico” per il giovane presidente del circolo, Mattia Trapani, per la partecipazione dell'assessora allo Sport Roberta Guaineri («A Milano il movimento dei tennisti è in crescita»), e per il caloroso invito di Enrico Cerutti, della Federtennis lombarda, a non assistere solamente alle finali («Venite a vedere i tennisti dei primi giorni!»).

Diverse le novità nell'edizione di quest'anno: il live scoring su Tennis Ticker, l’ ospitalità per la Tennis Europe Junior School domenica mattina 9 giugno, le wild card dai 4 tornei delcircuito Road to Avvenire (Messina, Napoli, Cuneo e Massa). E, infine, la presenza di arbitri di sedia per tutti gli incontri del main draw, una “chicca” che si deve alla concessione della Fit su pressione del presitigiosissimo direttore di torneo Massimo Morelli. Qualificazioni 8 e 9, da lunedì 10 tabellone principale, sabato 15 finali. 

Da non perdere, insomma. Si tratta, oltretutto, per dare un'occhiata da vicino alla pattuglia di italiani: l'ultimo connazionale a vincere l'Avvenire fu Federico Arnaboldi, nel 2016, e Corinna Dentoni nel 2005 tra le ragazze.

SERGIO RIZZA
Twitter: @sergiorizza

Articoli Correlati
Fatti&Storie