Motori

Un suv ad idrogeno? Ecco la soluzione di Hyundai

Auto

AUTO Il futuro della mobilità sarà sempre di più a propulsione elettrica. Da decidere se le auto elettriche avranno batterie agli ioni di litio da ricaricare tramite una linea pubblica o di casa o se, invece, attraverso delle celle combustibili montate a bordo. Per non farsi mancare nulla alla Hyundai hanno deciso di percorrere entrambe le “strade” e dopo le elettriche Ioniq, già in vendita, e la Kona sul mercato da settembre sta per arrivare anche la Nexo, il suv a propulsione ad idrogeno. La nuova Nexo fa un importante balzo in avanti per quanto riguarda autonomia e tecnologia, visto che promette di garantire oltre 600 km di percorrenza e è equipaggiato con più di un accenno di guida autonoma. L’abitacolo non è soltanto accogliente, ma anche realizzato con materiali “bio” per il 90% così come l’aria è pulita al 99,9% merito dell’impiego di filtri che eliminano cattivi odori. Di livello anche la dotazione hitech con uno schermo di 12,3 pollici che concentra tutte le funzioni del sistema d'infotainment. Ma è il “motore” della Nexo che sorprende: il powertrain di 135 Kw, 95 dei quali provenienti dalle celle combustibili e 30 invece dalla batteria, fa della Nexo un suv non soltanto brillante,  con uno spunto di 9,2 secondi da 0 a 100 km e una velocità massima di 180 kmh, insoliti per uno sport utility “elettrico”, il tutto nel massimo silenzio, grazie ad un’insonorizzazione a bordo particolarmente curata. Il prezzo per ora indicativo è di circa 70 mila euro. Ma il problema è la rete distributiva che conta ora solo un impianto in Italia a Bolzano.

Corrado Canali

Articoli Correlati
Motori