Cinema
5:15 pm, 6 Aprile 24 calendario
4 minuti di lettura lettura

Russell Crowe, i 60 anni del gladiatore

Di: Redazione Metronews
Russell Crowe
condividi

Russell Crowe, i 60 anni del gladiatore. L’attore neozelandese, il celebre generale Massimo Decimo Meridio nel capolabvoro di Ridley Scott, festeggia domani il suo compleanno.

Russell Crowe, i 60 anni del gladiatore

«Al mio segnale, scatenate l’Inferno”: con questa frase Russel Crowe ha consegnato il generale Massimo Decimo Meridio alla storia di Roma nel celebre film del 2000 diretto da Ridley Scott. Ruolo che non solo gli ha dato fama e popolarità, ma che nel 2001 gli ha anche consegnato il Premio Oscar come migliore attore protagonista (5 quelli collezionati dal film).

La citazione, ripresa oggi anche sotto forma di «meme», è utilizzata nella pellicola per esortare l’esercito romano al combattimento prima dell’inizio della battaglia contro i nemici germanici.
Nel ricorso di chi ha visto il film, resta una faccia straordinaria, la sua, che anche senza far nulla ti rimane impressa, quella di un attore ritenuto tra i migliori a livello internazionale.

Tutta la famiglia lavorava nel cinema

Segno Ariete, altezza 1,82 m, Russel Crowe – fisico massiccio solo un pò appensatito dall’età – compirà domani 60 anni. Un traguardo importante, in una vita segnata dal successo: figlio di Alex e Jocelyn, addetti al servizio catering sui set cinematografici, il divo nasce il 7 aprile 1964 a Strathmore Park, sobborgo di Wellington, Nuova Zelanda. La bisnonna materna era Maori (popolo polinesiano, diffuso principalmente nel nord della Nuova Zelanda), mentre il nonno – Stanley Wemyss – era un operatore filmico di origini gallesi che, durante la Seconda Guerra Mondiale, è stato fregiato dell’onorificenza di Membro dell’Impero Britannico da parte della Regina Elisabetta, per i servigi resi al suo Paese.

Sposato nel 2003 con la cantante australiana Danielle Spencer, da cui ha divorziato nel 2018, Russel ha due figli avuti con la moglie: Tennyson Spencer e Charles Spencer.

Una carriera eccezionale

La sua lunga e fortunata carriera cinematografica conta in 33 anni 5 premi vinti e 12 nomination: oltre a “Il Gladiatore”, i fan ricordano film come “American Gangster”, “Un’ottima annata”, “A Beautiful Mind”, solo per citarne alcuni.

Con la bravura e simpatia di sempre, Russel Crowe – amante anche della musica rock – è ricomparso quest’anno a Sanremo con la sua band «The Gentlemen Barbers» e il prossimo 30 luglio, dopo vari appuntamenti in giro per l’Italia – 15 in totale in luoghi di grande bellezza, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia – è atteso al 56esimo festival del Jazz di La Spezia.

Il legame con l’Italia

Un forte legame, quello dell’attore con l’Italia, anche per via del sangue che scorre nelle sue vene e che recherebbero traccia di un Dna italiano, risalente ad un antenato di Ascoli Piceno. Russel Crowe dunque ascolano di origine? «Già lo sapevo, perché lui me l’aveva detto parlando un paio di anni fa – ha ricordato in una recente intervista a «Il Resto del Carlino» Luca Ward, il doppiatore del Gladiatore, il film che ha reso celebre l’attore – quando me lo disse gli risposi: «Russel, per forza sei ascolano, sennò il gladiatore non lo potevi fare».

 

 

6 Aprile 2024
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo
Articoli correlati
Cinema
Al via l’edizione 2024 di “Cartoons on the Bay” da Pescara
Il festival internazionale dell’animazione, della transmedialità e delle meta arti in programma fino al 2 giugno ospita, fra gli altri, John Musker, Leslie Iwerks, Juanio Guarnido e Sara Pichelli
Cinema
Catrinel Marlon: «I manicomi oggi sono tra le mura domestiche»
L'ex modella e attrice debutta alla regia del film “Girasoli” dal 23 al cinema in cui affronta il tema dei reparti pediatrici nei manicomi. Nel cast, Gaia Girace, Mariarosaria Mingione e Monica Guerritore
Cinema
Cannes, Roberto Andò torna in Sicilia per “L’Abbaglio”
Presentato al Festival di Cannes il nuovo film diretto da Roberto Andò, che dopo il grande successo de “La Stranezza”, è tornato a girare in Sicilia per “L’Abbaglio”. Nel cast si ritrovano nuovamente insieme Toni Servillo, Salvo Ficarra e Valentino Picone,  protagonisti del film
Cinema
“Io sono un po’ matto e tu?”, sold out a Roma e Milano per il film di D’Ambrosi
Presentato in anteprima nazionale al Torino Film Festival, il film del fondatore del Teatro Patologico sarà proiettato stasera al cinema Adriano di Roma e domani al Gloria di Milano. Oltre al regista, parteciperanno anche diversi attori del cast
Cinema
Addio a Mark Damon, protagonista degli spaghetti western
L’attore statunitense che conquistò il successo a Cinecittà, protagonista di numerosi spaghetti western prima di dedicarsi alla distribuzione cinematografica all’estero e di produrre film come “9 settimane e mezzo”, “Orchidea selvaggia” e “La storia infinita”, è morto per cause naturali a Los Angeles all’età di 91 anni