FringeMI
10:44 am, 9 Giugno 22 calendario

Il FringeMI Festival invade Milano

Di: Redazione Metronews
FringeMI
condividi

Dal 13 al 19 giugno arriva a Milano il FringeMI Festival. La rassegna di arti performative che porta il teatro nei luoghi dove non lo si aspetta.
Quasi 100 appuntamenti in sette quartieri della città, disseminati in luoghi non strettamente teatrali: bar, locali, parchi, una libreria, perfino un negozio di moto, una galleria d’arte contemporanea e un ex opificio.

Il FringeMI

FringeMI nasce dall’esperienza triennale del NoLo Fringe Festival e ha l’ambizione di portare eventi e spettacoli a un pubblico nuovo, curioso, ma lontano dagli spazi teatrali tradizionali. In sette quartieri un palinsesto di quasi 100 eventi che spaziano dal teatro di ricerca, alla stand-up, al teatro di narrazione, fino al teatro-canzone, reading, spettacoli itineranti e spettacoli per bambini. Tanto teatro, ma anche incontri, talk, mostre, laboratori e una silent disco.

Stay Hungry apre la rassegna

A inaugurare il palinsesto, lunedì 13 giugno, in prima nazionale, debutta al FringeMi Festival il nuovo lavoro di Angelo Campolo, il cui spettacolo Stay Hungry è stato lanciato dalla prima edizione del NoLo Fringe Festival nel 2019. E in seguito alla quale ha vinto numerosi premi, inanellando una lunghissima tournée di successi. Il FringeMI Festival dunque ospita il suo nuovo lavoro: “A te e famiglia”. Si tratta di una profonda riflessione sui rapporti familiari e su quanto condizionino le nostre vite.

Il festival è poi diviso in due parti: il programma ufficiale e il Fringe Extra.

In programma

Il programma ufficiale è composto da 11 spettacoli, selezionati tramite bando dalle quasi 300 proposte pervenute. Le compagnie andranno in scena ogni sera (dal 14 al 18 giugno) sugli undici “palchi” principali del festival; il pubblico tramite una votazione decreterà un vincitore che avrà la possibilità di esibirsi sul palco del Teatro Elfo Puccini di Milano. Gli spettacoli selezionati nel programma ufficiale sono molto diversi tra loro e cercano di rispecchiare il quartiere e il locale dove verranno messi in scena.

Dalla comicità assurda e scanzonata di Giuseppe Scoditti, in scena con il suo one-man show esilarante 1 e 95 al Tranvai. Allo humor nero di Giulia Lombezzi autrice de L’uomo palloncino portato sul palco da un animatore turistico d’eccezione Tomas Leardini dei Trejolie (presso Libreria NOI). È andata così ispirato al romanzo di Natalia Ginzburg è la densa riflessione autobiografica di Marina De Santis, volto noto de “Il terzo segreto della satira” (presso Spazio HUG). Poi due testi, direttamente dalla scena britannica contemporanea, accomunati dal linguaggio rapido ed esplicito: Fag/Staff di Jeffrey Jay Fowler & Chris Isaacs prodotto da Dogma Theatre Company (sul palco del GhePensiMi) e Scenes with girls, di Miriam Battye prodotto da Khora Teatro, in scena nell’affascinante spazio espositivo della galleria Avantgarden.

9 Giugno 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA