Milano
4:36 pm, 22 Febbraio 23 calendario
3 minuti di lettura lettura

Scontri al corteo per Cospito, 12 anarchici indagati

Di: Redazione Metronews
condividi

Sono 12 gli anarchici indagati per i disordini avvenuti a Milano l’11 febbraio scorso, durante il corteo di solidarietà ad Alfredo Cospito, il membro della Federazione anarchica informale in sciopero della fama da oltre quattro mesi contro il 41bis. Per gli indagati i reati ipotizzati vanno dalla violenza e resistenza al pubblico ufficiale, al danneggiamento e al porto abusivo di armi improprie. Durante il corteo si registrarono scontri con la polizia e lanci di pietre e bombe carta, in particolare lungo viale Sabotino.

Al procuratore Marcello Viola, che coordina il dipartimento antiterrorismo, era già arrivata un’informativa della Digos nella quale risultavano denunciati 11 anarchici dell’area antagonista milanese, ma anche di Sondrio, Torino, Trento e Varese. Poi, sono stati iscritti in queste ore nel registro degli indagati 12 nomi. Le indagini, coordinate dal procuratore Viola e da altri pm del pool antiterrorismo, soprattutto attraverso i filmati, andranno avanti per individuare anche altri responsabili.

Gli scontri tra forze dell’ordine e anarchici in viale Sabotino

Il procuratore ha chiesto a tutti i magistrati di informarlo immediatamente su eventuali situazioni e azioni che possono essere collegate a proteste come forma di sostegno a Cospito. E gli inquirenti stanno studiando pure eventuali connessioni tra procedimenti, tra cui figura anche quello aperto nelle scorse settimane su due auto della Polizia locale incendiate sempre a Milano. O le segnalazioni sulle scritte di solidarietà comparse in giro per la città e sugli altri cortei e disordini che ci sono stati anche fuori dal carcere milanese di Opera, dove Cospito era detenuto prima di essere trasferito nel reparto di medicina penitenziaria del San Paolo, dove si trova tuttora.

In San Babila murales pro 41 Bis

Sempre oggi a San Babila è comparso un murales di aleXsandro Palombo che ritrae il giudice Giovanni Falcone con un pennello in mano e la scritta “Save 41 bis”. L’opera dell’artista, noto per i murales “Binario 21, I Simpson deportati ad Auschwitz” e “The Final Cut” (Marge Simpson e Khamenei davanti al Consolato Generale della Repubblica Islamica dell’Iran), intende sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del 41 bis per la lotta alla mafia e al terrorismo.

22 Febbraio 2023
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo
Articoli correlati
Milano
Continue risse e violenze, chiuso il Number One di Arese
I sigilli sono scattati dopo che, lo scorso gennaio, si era consumata una rissa tra più persone con tanto di lancio di tavoli e sedie di plastica
Milano
Moda e design dialogano nel segno della sostenibilità
Oggi negli spazi di Base e nel segno della sostenibilità, nell'ambito dell'evento Milano Circolare 2024, l'assessora allo Sviluppo economico con delega a Moda e Design Alessia Cappello ha incontrato in un inedito dialogo a tre la presidente del Salone del Mobile.Milano, Maria Porro, e il presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa
Milano
Coldiretti, ripiantati a Milano gli abeti natalizi con Campagna Amica
Ripiantati in un'area verde delle case popolari di Calvairate-Molise-Ponti i dodici alberi che dopo le festività natalizie i clienti del mercato agricolo di Porta Romana hanno riconsegnato a Campagna Amica per non farli morire
Milano
L’università Milano Bicocca contro la violenza di genere
Si intitola “Saperi e competenze contro la violenza di genere” l'incontro che si terrà il 4 marzo a partire da mezzogiorno, nella Sala Rodolfi, Edificio Agorà/U6 in piazza dell'Ateneo Nuovo, 1
Milano
Incendio nel milanese, VVFF: «C’è ancora il rischio di crolli»
Prosegue l'opera delle squadre dei Vigili del Fuoco impegnate da ieri pomeriggio nell'incendio che ha distrutto un capannone industriale a Cavaione, frazione di Truccazzano