Milano
3:02 pm, 24 Agosto 22 calendario
3 minuti di lettura lettura

Passante: a rischio la riapertura a settembre

Di: Redazione Metronews
condividi

«Sui tempi di riapertura del Passante ferroviario non ci sono novità». È la poco rassicurante risposta di Rfi, interrogata sulla vicenda dello snodo ferroviario milanese chiuso dal 23 luglio scorso – nel tratto tra Bovisa e Porta Vitoria -, a causa dell’usura anomala provocata alle ruote dei treni. L’incertezza sui tempi di riapertura è dovuta in primis al fatto che né Rfi, né Trenord sarebbero ancora riuscite a individuare la causa dell’attrito che ad oggi ha danneggiato circa 55 convogli di Trenord. Inutile, a questo proposito, anche l’intervento della magistratura che il 30 luglio aveva sequestrato un tratto di binari (tra Dateo e Porta Vittoria), dissequestrandolo una decina di giorni dopo, ammonendo però Rfi e Trenord a collaborare per riaprire il Passante in sicurezza al più presto.

Tuttavia le due società, in guerra da anni, non sembrano essere giunte ad alcuna soluzione. All’inizio avevano dato la colpa al sole e alle alte temperature (ma il Passante corre in gran parte sotto terra, quindi la spiegazione non ha retto), poi a un ingrassatore non funzionante. Oggi, l’ipotesi ventilata è la completa sostituzione dei binari. Ma anche questa non trova conferma. Di sicuro, qualora la soluzione non dovesse essere trovata entro l’11 settembre, cioè per la riapertura delle scuole e la ripresa del traffico pendolare a pieno ritmo, per gli utenti lombardi ogni viaggio si trasformerà in un incubo.

Inoltre, una volta risolto il problema della riapertura, come sottolineano le associazioni dei pendolari, si dovrebbe capire come sia stato possibile che «una struttura prevalentemente in rettilineo che in 25 anni non ha mai avuto problemi» si sia scoperta improvvisamente un pericolo. Per le associazioni dei pendolari sorge il «sospetto che dietro un fatto tecnico, reale ma puntuale, siano stati nascosti anni di negligenza nella manutenzione dei treni e una cronica crisi di personale, che esplode ad ogni evento». Intanto la petizione su change.org che chiede «al Governo regionale un cambio di rotta sulla gestione e supervisione del trasporto pubblico ferroviario regionale, reale e concreto», dal titolo esplicativo “I pendolari meritano un servizio ferroviario serio”, ha raccolto in poche settimane oltre 27 mila firme.

24 Agosto 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo
Articoli correlati
Milano
Continue risse e violenze, chiuso il Number One di Arese
I sigilli sono scattati dopo che, lo scorso gennaio, si era consumata una rissa tra più persone con tanto di lancio di tavoli e sedie di plastica
Milano
Moda e design dialogano nel segno della sostenibilità
Oggi negli spazi di Base e nel segno della sostenibilità, nell'ambito dell'evento Milano Circolare 2024, l'assessora allo Sviluppo economico con delega a Moda e Design Alessia Cappello ha incontrato in un inedito dialogo a tre la presidente del Salone del Mobile.Milano, Maria Porro, e il presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa
Milano
Coldiretti, ripiantati a Milano gli abeti natalizi con Campagna Amica
Ripiantati in un'area verde delle case popolari di Calvairate-Molise-Ponti i dodici alberi che dopo le festività natalizie i clienti del mercato agricolo di Porta Romana hanno riconsegnato a Campagna Amica per non farli morire
Milano
L’università Milano Bicocca contro la violenza di genere
Si intitola “Saperi e competenze contro la violenza di genere” l'incontro che si terrà il 4 marzo a partire da mezzogiorno, nella Sala Rodolfi, Edificio Agorà/U6 in piazza dell'Ateneo Nuovo, 1
Milano
Incendio nel milanese, VVFF: «C’è ancora il rischio di crolli»
Prosegue l'opera delle squadre dei Vigili del Fuoco impegnate da ieri pomeriggio nell'incendio che ha distrutto un capannone industriale a Cavaione, frazione di Truccazzano