nuova zelanda
11:00 pm, 4 Marzo 21 calendario

Violentissimo sisma 8.1 Allarme tsunami nel Pacifico

Di: Redazione Metronews
condividi

Fortissima scossa di terremoto in mare al largo della Nuova Zelanda, di magnitudo 8.1 sulla scala Richter: è stato lanciato un allarme tsunami.  L’allarme segue quello scattato per le due precedenti scosse di magnitudo 7, rilevate al largo della Nuova Zelanda.
L’agenzia per le emergenze della Nuova Zelanda ha lanciato un appello ai residenti di alcune aree costiere di dirigersi verso l’alto, dopo che un potente terremoto ha colpito la regione delle isole Kermadec (dove è già venerdì), facendo scattare l’allarme tsunami. Quello di magnitudo 8.1 è stato il terzo violento sisma di oggi nell’area. Un avviso di attenzione per lo tsunami riguarda anche le Hawaii a migliaia di chilometri di distanza.  Chi abita nelle zone costiere deve “spostarsi immediatamente verso l’altura più vicina, fuori da tutte le zone di evacuazione tsunami, o il più lontano possibile nell’entroterra. Non restate a casa”. “Il terremoto potrebbe non essere stato sentito in alcune di queste aree, ma l’evacuazione dovrebbe essere immediata, poiché è possibile uno tsunami dannoso”, si legge nel comunicato dell’agenzia. “Le persone in tutte le altre aree che hanno sentito un terremoto lungo o forte che rende difficile stare in piedi, o che è durato più di un minuto, dovrebbero muoversi immediatamente verso l’altura più vicina, fuori da tutte le zone di evacuazione tsunami, o il più lontano possibile nell’entroterra”. Il comunicato specifica che l’avviso di evacuazione prevale sugli avvisi Covid-19. 
L’epicentro del sisma nella prima scossa  si trovava circa a 180 chilometri a nord-est della città di Gisborne ed è stato avvertito alle 2:27 del mattino, ora locale, a una profondità relativamente bassa di 10 chilometri.    L’agenzia nazionale per la gestione delle emergenze della Nuova Zelanda ha pubblicato un tweet invitando “chiunque vicino alla costa abbia sentito una scossa lunga o forte”  a”spostarsi immediatamente verso l’altura più vicina, o il più lontano possibile nell’entroterra”.
“Spero che tutti stiano bene là fuori, specialmente sulla costa orientale che ha sentito in pieno la forza del terremoto”, aveva  scritto su Instagram il primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern. 
Il terremoto, rilevato a circa 100 chilometri dalle coste dell’isola settentrionale dell’arcipelago, è stato avvertito in tutte le principali città, da Auckland a Wellington.  L’allerta riguardava un tratto costiero che va da capo Runaway alla baia di Tolaga dove le persone sono stata invitate ad abbandonare le loro case per rifugiarsi nell’entroterra.

4 Marzo 2021 ( modificato il 19 Luglio 2021 | 16:23 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA