Vincere e divertire L'ordine di ct Mancini

CALCIO Ci sarà il presidente Mattarella, venerdì sera all’Olimpico, al fischio d’inizio (ore 21) di Euro 2020. Mancherà invece il presidente turco Recep Tayyip Erdogan: al suo posto il ministro dello Sport, Mehmet Kasapoglu, e il figlio del “sultano”, Bilal, una vecchia conoscenza italiana visto che ha studiato a Bologna e Berlusconi è stato suo testimone di nozze nel 2003. 

Però protagonista sarà soltanto il calcio, a parte la ricca cerimonia di inaugurazione tra Bono e Bocelli. Lo ha detto bene il ct Mancini nella conferenza stampa della vigilia: «La prima partita è diversa, ci sarà un po’ più di pressione. Ma si gioca al calcio, dobbiamo divertirci e far divertire la gente». Detto del «grande dispiacere per il forfait di Lorenzo Pellegrini, sia come calciatore che come uomo, è davvero brutto dover lasciare l’Europeo all’ultimo giorno», Mancini si è soffermato sul «rispetto» che è dovuto ad avversari «pieni di talento», e dunque da prendere con le molle. In questi casi l’ottimismo e le dichiarazioni roboanti sono di prammatica: non meraviglia che Mancini dica papale papale di voler arrivare fino alla finale di Londra. Il materiale di partenza è buono, sperare è lecito. Resta un punto: questa bella Italia non si è mai misurata con le “big”. A differenza della Turchia, che nelle qualificazioni ha battuto la Francia. Bisognerà stare molto attenti.

METRO

Articoli Correlati

Italia-Svizzera 3-0Gli Azzurri volano agli ottavi

L’ Italia sbarca agli ottavi di finale con un turno di anticipo: gli azzurri rifilano un 3-0 pure alla Svizzera condito da una prestazione maiuscola

Le big in difficoltàora cercano il riscatto

Non tutte le big possono sorridere (finora) ad Euro 2020. C’è infatti chi non ha convinto e chi questo Europeo l’ha iniziato proprio maluccio

Azzurri, ultime orenel ritiro di Roma

Ultime ore in albergo per la nazionale azzurra: la cronaca della giornata