Industria, la produzione ad aprile segna +1,8%

  • economia

Secondo Istat ad aprile 2021 si stima che l’indice della produzione industriale aumenti dell’1,8% rispetto a marzo. Nella media del periodo febbraio-aprile il livello della produzione cresce dell’1,9% rispetto ai tre mesi precedenti. L’indice destagionalizzato mensile mostra aumenti congiunturali in tutti i raggruppamenti principali di industrie: variazioni positive caratterizzano, infatti, i beni strumentali (+3,1%), l’energia (+2,4%), i beni intermedi (+1,1%) e, in misura meno rilevante, i beni di consumo (+0,5%). Corretto per gli effetti di calendario, ad aprile 2021 l’indice complessivo aumenta in termini tendenziali del 79,5%, in ragione del dato eccezionalmente basso di aprile 2020. Incrementi straordinariamente ampi caratterizzano pertanto tutti i comparti: l'aumento, meno pronunciato per l’energia (+14,2%), risulta elevatissimo per i beni strumentali (+119,5%), i beni intermedi (+98,1%) e quelli di consumo (+62,2%). 

Tutti i principali settori di attività economica registrano aumenti su base tendenziale, ad esclusione della produzione di prodotti farmaceutici di base (-3,2%). La crescita più ampia caratterizza i settori delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+363,2%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (+327,3%), delle altre industrie (+160,9%), della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (+149,3%) e della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+132,8%). 

Articoli Correlati

Il risiko globaledopo la pandemia

"Africa&Gulf. Atlante dei Paesi in crescita nell’era del coronavirus", un evento online di Fondazione Istud

Tornano a crescere serviziPmi Italia top da 2019

A maggio torna a crescere il settore terziario dell’Eurozona, dando inizio a un forte recupero che probabilmente rimarrà costante durante tutta l’estate

Ristorazione, una strage22mila locali hanno chiuso

La ristorazione nel 2020 ha visto perdere circa il 40% del volume di fatturato registrato nel 2019