Lazio, Roma: dopo il derby ora si costruisce il futuro

  • Calcio

CALCIO Con il derby di Roma vinto dai giallorossi per 2-0 può dirsi archiviato il campionato delle romane, che adesso guardano al futuro. C'è parecchio da fare, sia in casa Roma che in casa Lazio. In quest'ultima, ad esempio tiene banco il caso allenatore: Inzaghi non ha ancora rinnovato -alcune voci danno il tecnico piacentino in pole per sostituire Pirlo alla Juventus - mentre si comincia cons empre più insistenza a parlare di Gattuso anche in ottica biancoceleste.  Ringhio, per la verità, sembrerebbe indirizzato verso Firenze (di sicuro lascerà il Napoli) ma non è così scontato questo suo arrivo in viola, visto che ha posto delle condizioni abbastanza pesanti (tra cui carta bianca sul mercato). 

In casa Roma ovviamente c'è la questione Mourinho, che tradotto vuol dire mercato. Allo Special One è stato promesso un mercato all'alteezza con un budget che sfiorerebbe gli 80 milioni. L'ossatura della nuova Roma sarà data da Mancini, Smalling, Calafiori, Karsdorp, Veretout, Cristante, Zaniolo e Pellegrini. A questi nomi andranno integrati acquisti top per fare la differenza. Il grande dubbio è legato alla permanenza di Mkhitaryan: l'armeno ha il contratto in scadenza tra un mese e non sa ancora cosa sarà di lui.  Protagonista nel derby con il gol importantissimo che ha sbloccato il match, autore della miglior stagione della sua carriera nei top 5 campionati a livello realizzativo (12 reti) non sa se resterà: Mkhitaryan in passato ha avuto più di qualche attrito con Mourinho (allo United) e quindi bisognerà al più presto decidere il da farsi. 

 

Articoli Correlati

Juventus in ChampionsSì e no: il giallo della lettera

La Juventus ha ricevuto la comunicazione relativa alla partecipazione alla prossima Champions. Ma l'Uefa precisa che si tratterebbe solo di un "atto formale"

Roma, passati venti annidal terzo scudetto: i ricordi

Il 17 giugno del 2001 la Roma si laurea per la terza volta nella sua storia Campione d’Italia.

Lukaku vero leaderfa gol al razzismo

Il ct del Belgio lo esalta per la maturità acquisita giocando con l'Inter. E lui, alla Cnn, elogia l'Italia per i provvedimenti contro il razzismo