Traffico di rifiuti demolito campo rom

  • Milano

Camion carichi di rifiuti entravano nel campo nomadi abusivo di via Bonfadini 38, e ne uscivano vuoti. Altri camion, invece, entravano vuoti ed uscivano carichi del ferro e di altri materiali rivendibili, estratti all'interno del campo. Tutto ciò che non era rivendibile,  veniva scaricato per strada, costringendo Amsa a raccoglierlo due o tre volte alla settimana, con un costo per la collettività di oltre 100mila euro all'anno. Proprio l'ingente quantità di materiale abbandonato per strada, oltre 200mila chili l'anno, ha insospettito il Nucleo Problemi del Territorio della Polizia locale di Milano, che nel giugno 2020 ha avviato le indagini della maxi operazione "Rifiuti preziosi", condotte dai sostituti procuratori Francesco De Tommasi e Sara Ombra, coordinati dalla procuratrice aggiunta a capo della Direzione distrettuale Antimafia Alessandra Dolci. L'indagine, durata circa sei mesi ha permesso di scoprire un traffico illecito di rifiuti che aveva la sua base proprio nel campo nomadi per un giro di affari di oltre un milione di euro all'anno. 33 le persone arrestate, italiane e rumene, tutte destinatarie di misura cautelare in carcere. Sei sono abitanti del campo nomadi, gli altri imprenditori e persone che facevano parte dell'organizzazione criminale. Oltre 70 i denunciati.
Il campo ora verrà demolito, essendo completamente abusivo, prima però verranno trovate soluzioni alternative per le famiglie, ha assicurato la vicesindaco Anna Scavuzzo.

Articoli Correlati

Albertini ha sceltonon sarà lui a sfidare Sala

Gabriele Albertini ha sciolto la riserva: per il Centrodestra alle comunali di Milano, a sfidare Beppe Sala, sarà lui

Fontana frena sul vaccino under 40

"Non abbiamo le dosi", dice. E su Aria fa autocritica

Muti contro Chailly È scontro alla Scala

Scintille nei camerini dopo il concerto del maestro napoletano di mercoledì