Tifosi romanisti impazziti l'arrivo di Josè è una festa

  • Calcio

CALCIO «O mio Dio! O mio Dio! O mio Dio! O mio Dio!». Il commento più sobrio sui social dei tifosi della Roma è, come minimo, iperbolico. L'arrivo di Josè Mourinho alla guida della Roma fino al 2024 annunciato dalla proprietà americana del club giallorosso cancella in un baleno un anno di sofferenze e la recente grandissima delusione di Manchester. A parte la reazione (di portafoglio) della Borsa dove il titolo As Roma ha guadagnato il 21% in meno di un'ora, sono i social ha dare la temperatura dell'annuncio più clamoroso dai tempi di Maradona al Napoli (o di Ronaldo alla Juventus, in tempi più recenti). La sorpresa è assoluta e i tifosi scrivono: «Ma davvero?», «Così, dal nulla...», «Me sento male», «Se è un sogno non mi svegliate». Sul profilo Instagram del club capitolino in mezz'ora oltre 10.500 commenti tutti dello stesso tenore: «Vabbeh, ma voi siete matti.,.. Daje!»

Ci sono i tifosi, tra cui anche i vip come Antonello Venditti («Coraggio... libertà... responsabilità: benvenuto a Mourinho»), ma anche i grandi ex come Luca Toni («Bel colpo, brava Roma») o i politici e i giornalisti cosiddetti esperti che sono stati beffati dai Friedkin. Per questo c'è chi scrive polemico: «Mettere a soqquadro la Serie A e zittire tutti i giornali esperti di calcio mercato che ci abboffavano da settimana con Sarri alla Roma». Un'operazione così clamorosa condotta nel più assoluto silenzio merita l'ammirazione anche dei social: «Allegri, Sarri, forse De Zerbi, altri. Mourinho alla Roma è la riprova che se non vogliono farti sapere una cosa, non te la fanno sapere». Oppure: «In silenzio senza nessun proclama... Friedkins style... forza magica Roma!». Unanimi i consensi e l'emozione, anche da parte di chi non è tifoso della Roma. Prevedibile la reazione favorevole dei tifosi dell'Inter che sono legati a Mourinho dalla conquista del "triplete" e da un amore viscerale (anche se su Twitter scrivono: «Mourinho alla Roma. Perchè 48 ore di festa per gli interisti erano già troppe...»), non altrettanto quello degli altri che, comunque salutano con soddisfazione l'arrivo nel campionato italiano di uno dei più grandi allenatori dell'ultimo ventennio, seppure un pò in disarmo nelle ultime stagioni inglesi. «La vera Superlega torna a essere la nostra Serie A, fidatevi. Che bello», scrive un utente e un altro aggiunge: «Diciamolo, Mourinho alla Roma e' una notizia talmente grande, inattesa e clamorosa da mettere totalmente a soqquadro la nostra Serie A. Bellissima. E ne vedremo delle belle, statene certi».

 C'è chi si dice contento malgrado confessi di non stimare particolarmente Mourinho: «Per me è un allenatore bollito stile Ancelotti, grandissimo passato ma in fase calante... però sono contento per la caratura del personaggio che manca in serie A». E ancora: «Non mi è mai stato simpatico. Ma la Roma con questo da un segnale forte. E' un acquisto che vuol dire molto di più del valore dell'allenatore», scrive un altro utente. Il commento del giornalista sportivo che ha conosciuto Mourinho quando era all'Inter è a metà tra il tecnico e l'emotivo: «C'era solo un modo per far dimenticare in un minuto la catastrofe di quest'anno... Poi, come per tutti gli allenatori, dipenderà dai giocatori che avrà a disposizione, ma intanto: in bocca al lupo di cuore ad un vero numero uno Mourinho AS Roma». Ovviamente anche l'umorismo corre sui social. «Sono cresciute di più le azioni della Roma dopo l'annuncio di Mourinho che quelle della Juventus dopo l'annuncio della Super League», oppure una notizia flash: «Josè Mourinho, nuovo allenatore della AS Roma, assume ad interim l'incarico di sindaco di Roma». Tra i commenti chiaramente ironici c'e' quello di un utente che si professa juventino (ma è chiaramente un fake) che critica apparentemente l'operazione: «Ora spiegatemi con quale stimolo Fonseca dovrebbe giocare la semifinale di ritorno contro il Manchester? Ma che serietà è questa? Ma stiamo scherzando? P.s. Sono Juventino». Nel clima di festa c'e' poi chi guarda al futuro, ricordando le celebri conferenze stampa di Mou: «Non vedo l'ora di sentire la prima conferenza stampa di Mourinho alla Roma: 'Ma che ve credete, che vengo da 'a montagna der sapone?'». E c'e' chi ricorda lo scudetto che proprio l'allora tecnico dell'Inter soffiò alla Roma di Claudio Ranieri a due giornate dal termine dieci anni fa: «Le ultime lacrime per la Roma le avevo spese "per colpa" di Mourinho nel 2010. Era destino che il cerchio doveva chiudersi cosi'. Ho pianto di gioia oggi, spero di piangere piu' forte tra un anno».

Articoli Correlati

Sassuolo-JuventusBianconeri, ultima spiaggia

Sassuolo-Juventus, per i bianconeri l'obbligo di vincere per continuare a sperare in un posto nella prossima Champions League

Fonseca, allenatore solonella Roma già di Mourinho

Pauolo Fonseca ha parlato alla vigilia della gara con l'Inter, cercando di mantenere l'attenzione al presente ed ignorando il futuro

Buffon, addio alla Juve"Tolgo il disturbo"

Gigi Buffon dice addio alla Juventus: a fine stagione lascerà: appenderà le scarpe al chiodo o cambierà squadra