Ai prof non piace il Piano scuola estate

  • Scuola

Il Piano scuola estate 2021 è bocciato dalla maggior parte dei docenti, degli studenti e dei genitori. Le attività da svolgere, introdotte dal ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che potranno contare su un finanziamento di 510 milioni di euro, sembrano non interessare circa l’80% degli addetti ai lavori. E' quanto emerge da un sondaggio di Tecnica della scuola su 4.447 lettori del sito così suddivisi: docenti (67.1%), genitori (22.9 %), studenti (7.8%) e personale Ata (1.5%).

A non voler essere coinvolta in primis c'è la categoria degli insegnanti: addirittura l’87,7% dei docenti ha detto di non volere partecipare alle attività, contro appena il 7.5% di coloro che hanno intenzione di aderire. Un 5% si è dichiarato incerto. Altrettanto disinteressati si sono detti gli studenti, per la maggior parte di scuola superiore di secondo grado, che hanno espresso il loro dissenso, facendo registrare una percentuale pari all’81.2% di posizioni contrarie.

Anche tra i genitori non sembra esserci un interesse altissimo: solo il 23.3%, uno su quattro, sembrerebbe orientato a far frequentare le attività estive organizzate nelle scuole. Il Piano ha come obiettivo principale quello del potenziamento disciplinare, con un occhio di riguardo alla socializzazione: l’organizzazione della progettualità educativa scolastica si svolgerà nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre. Gli istituti resteranno aperti, subito dopo la fine delle lezioni, come da calendario, con attività laboratoriali, sportive, musicali, legate al territorio e all’ambiente. Alle iniziative potranno partecipare, in maniera volontaria, studenti e docenti. 

Articoli Correlati

Scuole aperte d'estateEcco il piano da mezzo miliardo

in arrivo il piano voluto dal ministro Bianchi: docenti pagati extra e su base volontaria

Sei studenti su 10bocciano la Dad

L’indagine condotta dal portale Skuola.net con l’Associazione Nazionale Di.Te. su 10 mila studenti tra gli 11 e i 19 anni

Scuola nel caos,i presidi chiedono sicurezza

Il presidente dell'Anp punta sul problema trasporti mentre in Campania alcune scuole restano chiuse e nel ragusano 48 genitori non mandano i figli in aula