Smart working, pronta la proroga al 30 settembre

  • smart working

Pronta l'estensione al 30 settembre del regime di lavoro agile emergenziale, approfondimento tecnico sulle questioni più critiche che possono emergere dalla diffusione del lavoro agile e la definizione di un accordo quadro all’interno del quale si può sviluppare la negoziazione. È quanto  emerso dal Tavolo di confronto con le parti sociali sul lavoro agile che si è tenuto questo pomeriggio. Il Ministero ha anche assunto l’impegno a verificare la possibilità di utilizzare strumenti di incentivazione per favorire questo processo. .

“Il ritorno alla disciplina ordinaria – ha detto in apertura il ministro Orlando - dovrà avvenire riflettendo su punti di forza e di debolezza che sono emersi durante questo lungo periodo di sperimentazione di lavoro agile emergenziale. In vista della definizione di una normativa post emergenza, o comunque di un suo superamento, credo sia utile riflettere su come si “plana” sul ritorno alla normalità. Per questo ritengo fondamentale il confronto e  le indicazioni che provengono dalle parti sociali e dalla conseguente contrattazione che il ministero intende favorire e se possibile incentivare".

Articoli Correlati
smart working

Smart working e cartelleil nodo delle scadenze in Cdm

Il Cdm esaminerà un decreto legge con le proroghe di alcune misure
smart working

Smart working, alle stellela spesa del riscaldamento

Lo smart working ha fatto lievitare la spesa degli italiani per il riscaldamento: acceso il 22% in più
smart working

Meno stress, più tempolo smart working ora piace

Studio Euromobility sui mesi di lockdown: il 47% si dichiara molto soddisfatto