Pd-M5S e la leadership Letta: "A chi prende più voti"

  • PD

"La leadership di questa alleanza la decideremo, dipenderà da come si organizzerà l'alleanza, normalmente sono gli elettori che decidono, chi prenderà più voti avrà diritto di fare la scelta di proporre la leadership. Per me la parola su tutti i passaggi essenziali di questa vicenda politica deve andare agli elettori e agli iscritti"  Lo ha detto Enrico Letta, ospite a Dimartedì su La7, rispondendo a una domanda sulla leadership dell’alleanza, con l’ingresso di Giuseppe Conte alla guida del M5S

Sulle proteste di piazza di oggi, "se ci fosse Salvini oggi saremmo qui in una situazione molto peggiore, perchè non si può parlare a ognuno dicendo quello che chi ci sta di fronte vuole sentirsi dire. Anche io parlo con molti ristoratori", ha detto il segretario del Pd.  Secondo Letta il centrodestra "fa un discorso semplice e semplicistico: aperture contro chiusure. Non abbiamo ancora imparato niente dopo un anno? Come vanno le cose dipende dalla serietà di ognuno di noi, dai nostri comportamenti, per fortuna abbiamo un ministro come Speranza". Letta ha ribadito che, per sostenere l'economia "il governo deve fare rapidamente un decreto imprese".

Quanto all'incontro con Matteo Renzi "è andato bene, alla grande", dice Letta. Un incontro "franco e cordiale", durato 40 minuti, che si è svolto all’Arel. Il segretario del Pd e il leader di Iv hanno fatto una "analisi a tutto campo" della situazione del Paese, trovandosi d’accordo sul fatto che in questa fase l’impegno comune debba essere quello del sostegno alla campagna dei vaccini e al supporto economico per compensare le chiusure per Covid. Le "divergenze profonde" tra i due riguarderebbero il rapporto con Conte e il M5S. Per Letta, infatti, è "essenziale per costruire una alternativa vincente a Meloni e Salvini". Sulle amministrative, Letta ha ascoltato le idee di Renzi, e per il leader del Pd il mese di aprile sarà "importante" per trovare le soluzioni. Nelle città, ha invece detto Renzi, "io al posto del Pd non farei l'accordo" con il M5S.

Articoli Correlati

Tinagli e Provenzanosaranno i vice di Letta

Pd, Letta ha nominato Irene Tinagli e Giuseppe Provenzano vicesegretari del partito

Cambiare nome al Pd?Zingaretti: "Lo vedremo"

Il segretario Pd anticipa le sue mosse per il rinnovamento.

Pd, è il terremotoRenzi lascia il partito

Matteo Renzi ha ufficializzato al premier Conte in un colloquio telefonico la decisione di abbandonare il Pd