LG, addio agli smartphone punta su robot e smart home

  • smartphone

LG Electronics non produrrà più smartphone a causa delle eccessive perdite registrate dal ramo aziendale. Lo ha comunicato il colosso dell'elettronica sudcoreano.   L’azienda, tra i pionieri del sistema operativo Android, agli inizi del 2010 aveva collaborato con Google alla nascita della serie Nexus. Ma le vendite dei device non sono mai decollate e negli ultimi anni alle difficoltà di aprirsi una strada nel mercato degli smartphone si è anche aggiunta la feroce concorrenza di aziende cinesi come Huawei.

LG è stata a lungo classificata tra i primi 10 produttori di smartphone al mondo. Ma, spiega un report di Counterpoint, l’ultima volta che è riuscita ad avere una quota di mercato superiore al 3% è stato nel 2018. Per 23 trimestri consecutivi, o meglio dal 2015, la divisione LG smartphone è stata in rosso, per una perdita complessiva stimata in circa 5.000 won, o 3,8 miliardi di euro, alla fine dello scorso anno.  La divisione “non è riuscita a dare risultati” in un contesto di “maggiore concorrenza sui prezzi tra i vari concorrenti nel mercato degli smartphone entry-level”, ha spiegato la società in una nota.

La chiusura dirotterà una parte di risorse in ricerca e sviluppo “su aree di crescita come le componenti per veicoli elettrici”, ha spiegato ancora l’azienda, ma anche “robot e smart home”.

Articoli Correlati
smartphone

Un robottino lightper gli smartphone basic

Android Go, l’esordio del sistema alleggerito su telefoni economici
smartphone

Galaxy S9 reinventa la fotografia mobile

Speciale Mobile World Congress: il nuovo top di gamma dei coreani
smartphone

OnePlus 5T, top di gammaalla metà del prezzo

La prova del nuovo smartphone dei cinesi