Da domani in radio il nuovo singolo del Boss

  • Musica

MUSICA Il Boss è tornato. E da domani sbarca in radio il nuovo singolo “I'll See You in My Dreams”, estratto dall'album registrato in studio insieme a The E Street Band, “Letter to You”.

Il video del brano, diretto da Thom Zimny (https://youtu.be/dJkaZ8hQM60), è dedicato alla memoria di Michael Gudinski, amico e promoter australiano di lunga data dell’artista.

«Il mio amico Michael è stato prima di tutto, e lo sarà per sempre, un uomo di musica – spiega Bruce Springsteen - Ho girato il mondo in tour negli ultimi 50 anni e non ho mai incontrato un promoter migliore. Michael parlava sempre con una voce profonda, quasi come un brontolio, e le parole gli uscivano così velocemente che la metà delle volte mi serviva un interprete. Ma lo sentivo forte e chiaro quando diceva, “Bruce, ti copro io”. E l’ha sempre fatto. Era rumoroso, sempre in movimento, intenzionalmente (e non) divertentissimo, e profondamente appassionato. Sarà ricordato dagli artisti da tutto il mondo, incluso me stesso, ogni volta che metteranno piede in Australia. Le mie più profonde condoglianze a sua moglie e partner Sue e a tutta la famiglia Gudinski, di cui andava così orgoglioso».

L'album Letter to You (certificato oro da FIMI/GfK Italia) è il ventesimo album in studio di Springsteen: un disco rock, caratterizzato dall’inconfondibile sound de The E Street Band, e registrato nella casa di Springsteen stesso in New Jersey.

L’album è anche la prima performance dell'artista insieme a The E Street Band dal tour di The River del 2016, nominato tour mondiale dell’anno da Billboard e Pollstar.

L’album contiene nove brani scritti nell’ultimo periodo da Springsteen, e tre leggendarie composizioni degli anni Settanta finora inedite: Janey Needs a Shooter, If I Was the Priest, e Song for Orphans.  Ogni brano è un tributo a The E Street Band, alla musica rock e al ruolo che quest’ultima ha avuto nella vita dell’artista.

«Amo l’essenza quasi commovente di “Letter to You” - commenta Springsteen - e amo il sound della E Street Band che suona completamente live in studio, in un modo che non avevamo quasi mai fatto prima, senza nessuna sovraincisione. Abbiamo realizzato l’album in soli cinque giorni, e quella che ne è venuta fuori è una delle più belle esperienze di registrazione che io abbia mai vissuto».

METRO

 

Articoli Correlati

Tanti auguri a Baglioniper i suoi 70 anni

Domenica il cantautore romano festeggerà il suo compleanno dopo una vita passata in musica

Nel nuovo singolo J-Axracconta il dolore per il Covid

Uscirà domani “Voglio la mamma” con la cover disegnata dal figlio dell'artista, Nicholas

Dal 3 luglio al viail tour di Max Gazzè

Il “La Matematica dei Rami Tour” partirà il 3 luglio dal Castello di Udine per toccare poi, fra le altre città, Torino, Roma e Milano