Morto George Segal per complicazioni cardiache

  • Cinema

CINEMA Addio a George Segal, morto ieri a 87 anni per complicazioni dopo un intervento chirurgico di bypass. Era stato candidato all'Oscar comem miglior attore non protagonista nel 1967 per il suo ruolo in Chi ha paura di Virginia Woolf? in cui aveva recitato insieme a Elizabeth Taylor e Richard Burton. Dal 2013 ricopriva il ruolo di Pops Solomon nella serie The Goldbergs.

A dare l'annuncio della sua scomparsa, la moglie Sonia Sonia Schultz Greenbaum, con la quale era sposato da 25 anni.

«La famiglia è devastata - dice la moglie - questa mattina (ieri, ndr) George Segal è morto a causa di complicazioni dovute a un intervento chirurgico di bypass».

«Mi mancheranno il suo calore, il suo umorismo, il suo senso del cameratismo e la sua amicizia. Era una persona meravigliosa», dichiara invece il suo manager di lunga data Abe Hoch.

Nel corso della sua carriera, Segal ha recitato n più di 50 film e con alcuni dei migliori registi degli anni Sessanta e Settanta, tra cui Robert Altman, Mike Nichols, Paul Mazursky e Sidney Lumet.

L'attore è apparso in tutte e otto le stagioni della sitcom della ABC The Goldbergs. Nel suo periodo d'oro, ha recitato in Addio Braverman, Un tocco di classe, La pietra che scotta e Non rubare se non è strettamente necessario, Amori e disastri, Il rompiscatole, solo per citare alcuni dei titoli più famosi.

In Italia aveva recitato nel 1968 diretto da Franco Brusati ne Il suo modo di fare, e nel 1992 in Un orso chiamato Arturo diretto da Sergio Martino.

METRO

Articoli Correlati

Montecarlo Film Festival,Bova presiede la giuria

Sarà l'attore vincitore del Premio Nastro d’argento speciale per 15 seconds a presiedere la giuria della manifestazione che si volgerà dal 31 maggio al 5 giugno

Per lo Star Wars Day la serie “The Bad Batch”

Ogni 4 maggio si celebra lo Star Wars Day, una intera giornata dedicata alla saga più amata della storia

Ecco le Notti Bianche del cinema italiano

A metà estate Alice nella città si farà promotrice dell’evento che prevede una 48 ore no stop di proiezioni