Discesa, Sofia Goggia vince la Coppa del Mondo

Sofia Goggia ha vinto la sua seconda coppa del Mondo di discesa della carriera dopo quella conquistata nel 2018. In precedenza una sola italiana aveva vinto due coppe della specialità ‘Regina’ dello sci alpino: Isolde Kostner nel 2001 e 2002.

In questa stagione la sciatrice bergamasca aveva vinto le discese della Val d’Isère, Sankt Anton am Arlberg ed entrambe quelle di Crans Montana. Goggia ha rischiato di vedere sfumare la coppa il 31 gennaio quando, sciando sulla pista di rientro verso valle dopo la cancellazione del supergigante Garmisch-Partenkirchen, è caduta procurandosi la frattura del piatto tibiale laterale del ginocchio destro.

Saltati i Mondiali di Cortina, Sofia è stata autrice di un recupero sanitario record. Con 480 punti la portacolori delle Fiamme Gialle, campionessa olimpica in carica di discesa, vince la coppa di specialità con 480 punti davanti alle svizzere Corinne Suter (rimasta a 70 punti) e Lara Gut-Behrami (a 97). Domani, meteo permettendo, sono in programma alle ore 11 il supergigante maschile (la sfida sarà tra  l’austriaco Vincent Kriechmayr e lo svizzero Marco Odermatt) e alle 9,30 quello femminile (coppa già assegnata a Gut-Behrami). Alla fine hanno vinto la neve, che ha causato la cancellazione della gara, e Sofia Goggia che può alzare la coppa del mondo di discesa libera anche senza gareggiare. È tempo di finali nella Coppa del mondo di sci alpino e, come da regolamento, una gara annullata non può essere riprogrammata ma venire definitivamente cancellata. A Lenzerheide, località della Svizzera orientale non distante dai confini italiani, nevica tanto e questa mattina la giuria di gara ha deciso di non correre rischi annullando definitivamente sia la discesa libera femminile che quella maschile. Ciò significa che le coppe di specialità le vincono Goggia e per la quarta volta consecutivo lo svizzero Beat Feuz. L’italiano Dominik Paris termina terzo come già accaduto nel 2016 e 2019 (nel 2019 arrivò secondo).

“E’ la mia seconda coppa di specialità, penso sia meritata perché ho vinto quattro discese sulle cinque che sono stata in grado di disputare e con una media di 96 punti, avevo un buon vantaggio”. Sono state queste le prime parole di Sofia Goggia a seguito della cancellazione dell’odierna discesa libera delle finali di Coppa del mondo di Lenzerheide che le ha consentito di conquistare, anche senza gareggiare, la coppa di discesa libera. Le vittorie sono state quelle in Val d’Isère, Sankt Anton am Arlberg ed entrambe quelle di Crans Montana. “L’infortunio è arrivato nel momento sbagliato, alla vigilia dei Mondiali, tuttavia il fatto di avere fatto l’impossibile per essere qui dopo 45 giorni, mi rende orgogliosa" ha aggiunto l’azzurra facendo riferimento all’infortunio del 31 gennaio quando, cadendo sugli sci, si procurò la frattura del piatto tibiale laterale del ginocchio destro.    "Ho recuperato in tempi molto brevi. Una settimana fa abbiamo visto che il callo osseo si era praticamente rimarginato e sono riuscita in pochi giorni di allenamento a capire che la forma non era poi così male” ha concluso. 

Articoli Correlati

Marta Bassino fa il bised è ancora Gigante

A Livigno la 25enne trionfa nel titolo italiano di specialità davanti alla Brignone

A Federica Brignoneil titolo di slalom

Successo nazionale a Livigno per la 30enne valdostana che voleva smettere

Per Federica Brignoneuna delusione mondiale

Federica Brignone, le speranze si azzerano dopo tre porte nella combinata alpina: ennesima delusione per l'Italia che non riesce a trovare medaglie