Carlsberg, in India accordi per tutelare acqua

  • climate change

Carlsberg Group ha annunciato una partnership con Desolenator, la prima tecnologia di purificazione sostenibile dell'acqua alimentata al 100% da energia solare, per rifornire di acqua potabile pulita una città di 4.000 persone, nelle Sundarbans del Bengala Occidentale, la più grande foresta al Mondo di mangrovie in India. 

Le Sundarbans, nel Bengala Occidentale, sono state duramente colpite dal cambiamento climatico e dalla scarsità d'acqua potabile. Situazione che si è aggravata nel 2020, a causa delle conseguenze del Covid-19 e del ciclone Amphan che ha addirittura richiesto il trasporto dell’acqua. 

Il progetto di desalinizzazione sostenibile renderà accessibili 20.000 litri di acqua potabile pulita al giorno, utilizzando il calore e l'energia del sole. Un modello di distribuzione dell'acqua gestito dalla Comunità, progettato in collaborazione con WaterAid e l’Università di Strathclyde, che offrirà anche un modello occupazionale ed imprenditoriale “al femminile” sostenendo le donne imprenditrici locali attraverso un’occupazione sul territorio. 

La Partnership multidisciplinare unisce gli ambiziosi piani di sostenibilità del Gruppo Carlsberg con la tecnologia innovativa di Desolenator, l’esperienza sul campo di WaterAid e del Sundarbans Social Development Centre e la ricerca di fama mondiale dell'Università di Strathclyde. • Questo progetto rientra nel Programma di Sostenibilità "Together Towards ZERO" del Gruppo Carlsberg, che si pone l’obiettivo di eliminare gli sprechi idrici nei suoi Stabilimenti entro il 2030 e di tutelare le risorse idriche collettive nelle aree ad alto rischio. Circa il 70% della superficie mondiale è coperta da acqua, ma solo l'1% è accessibile e potabile.

Carlsberg è da sempre impegnato a creare partnership con le Comunità locali che vadano oltre la riduzione dell'uso di acqua nei suoi stabilimenti, nell'ottica di contribuire a salvaguardare le risorse idriche collettive. Grazie ad una valutazione fatta con il Wwf utilizzando il Water Risk Filter, il Gruppo Carlsberg ha identificato i Siti ad alta priorità di intervento in tutto il Mondo e i bacini idrici da cui essi attingono (tutti i sette Birrifici indiani rientrano nelle aree a rischio idrico). Le Sundarbans, nel Bengala Occidentale, distano circa 120 km dallo stabilimento di Carlsberg a Calcutta, città con 4,7 milioni di persone e situata in una zona critica. Un'area circondata da acqua salata in balia di mareggiate sempre più estreme causate dai cambiamenti climatici. AN

Articoli Correlati
climate change

Orsi e narvali faticanoa trovare cibo al Polo Nord

Al Polo Nord per adattarsi al climate change e allo scioglimento dei ghiacci, orsi polari e altri mammiferi utilizzano 4 volte più energia
climate change

Economia circolare e climaintesa tra ministero e Sky

Clima, protocollo di intesa firmato tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia su cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile, biodiversità
climate change

Si è chiuso l'annopiù caldo di sempre

Aumento della temperatura media di 1,25 gradi: il 2020 l'anno più caldo mai registrato al mondo