Pil, nel quarto trimestre un calo minore delle stime

Nel quarto trimestre 2020 il prodotto interno lordo, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dell’1,9% rispetto ai tre mesi precedenti e del 6,6% nei confronti dello stesso periodo del 2019. Lo comunica l'Istat, ricordando che la stima del Pil diffusa il 2 febbraio aveva registrato una diminuzione del 2% in termini congiunturali e del 6,6% in termini tendenziali. Il quarto trimestre del 2020 ha avuto due giornate lavorative in meno del trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al quarto trimestre del 2019. La variazione acquisita per il 2021 è pari a 2,3%. Rispetto al trimestre precedente, tra i principali aggregati della domanda interna si registra una diminuzione dell’1,6% dei consumi finali nazionali e un incremento degli investimenti fissi lordi pari allo 0,2%. Le importazioni e le esportazioni sono aumentate, rispettivamente, del 5,4% e dell’1,3%. 
   Si registrano andamenti congiunturali negativi per il valore aggiunto in tutti i principali comparti produttivi, con agricoltura, industria e servizi diminuiti rispettivamente del 2,8%, dello 0,7% e del 2,3%.

Articoli Correlati

Con il Recovery FundPil 2021 in crescita a +4,1%

Confindustria: Pil italiano in graduale recupero concentrato nella seconda metà di quest’anno per arrivare a una crescita del 4,1%

La sostenibilità diventaun driver di acquisto

Bain & Company ha presentato il primo report sulla percezione della sostenibilità nel mercato energia e utilities

Pil, persi 150 miliardinell'anno della pandemia

Pil, nel 2020 perduti 150 miliardi di Pil, 108 miliardi di consumi, 16 miliardi di investimenti, 78 miliardi di esportazioni