Le facevano bere e poi le stupravano

  • Milano

CORVETTO Facevano ubriacare ragazze minorenni, le stupravano mentre queste erano incoscienti e poi diffondevano i filmati. Sono le accuse che il 1° febbraio hanno portato in carcere tre cittadini sudamericani, di 24, 33 e 60 anni. Le indagini erano partite il 4 dicembre scorso, dopo la segnalazione  del Pronto Soccorso violenza sessuale e domestica della Clinica Mangiagalli. Quando cioè una 14enne si era presentata riferendo di aver subito abusi sessuali quello stesso giorno da parte del 24enne, che conosceva, e di un 30enne.  La giovane aveva incontrato i due uomini in zona Bignami, poi i tre, dopo aver acquistato alcolici in un supermercato, erano andati in uno scantinato in zona. Dopo aver bevuto un primo bicchiere la 14enne ha iniziato a non sentirsi bene, ma è stata costretta a continuare a bere. Dopo altri bicchieri, la ragazzaha avuto un mancamento e quando ha riaperto gli occhi si è accorta che il conoscente la stava molestando, ma non è riuscita a respingerlo, perché troppo debole. Svenuta nuovamente, si è risvegliata qualche ora dopo in un'auto, sul sedile posteriore con i pantaloni abbassati e il 33enne a fianco che continuava a metterle le mani addosso. Riaddormentatasi nuovamente, la ragazza si è poi svegliata intorno alle 16.30, si è fatta restituire il cellulare che le avevano tolto e riaccompagnare a casa. Grazie alle intercettazioni la Polizia locale ha trovato le conferme del racconto della giovane. È inoltre risalita a un'altra ragazza violentata lo scorso marzo sempre dal 24enne con il 60enne. In quel caso, il 24enne ha anche realizzato e poi diffuso dei video della violenza sessuale commessa mentre lei era svenuta. 

Articoli Correlati

Salvini in pressingsull’ex sindaco Albertini

Il leader del Carroccio sa che è l'unico in grado di competere con Sala

Moratti e il suo dglitigano su AstraZeneca

Balletto di numeri sulle rinunce

Vaccinata con AstraZenecaricoverata per trombosi

La ragazza lavora in uno studio dentistico