Spettacoli

Mith La leggenda di Frozen Il regno di Arendelle su Disney+

Cinema Disney+

CINEMA Acqua, Aria, Fuoco, Terra. Quattro elementi per quattro colori e quattro partiture sonore che si accordano fra loro. Almeno fino a quando non arriva il quinto elemento, l’Uomo, a sconsacrare pace e serenità.

Da venerdì sbarca su Disney+ il tanto atteso Mith. The Frozen Tale, il corto firmato da Jeff Gypson.

«L’idea - spiega - è venuta dalla mia storia personale, e in particolare dalla tradizione che c’è nella mia famiglia di raccontarci storie della buonanotte. È ambientato in una foresta poco fuori Arendelle, dove una famiglia si raduna intorno al fuoco per una favola. Mentre la madre legge, il pubblico è trasportato nella leggendaria foresta incantata, dove gli spiriti degli Elementi prendono vita e i misteri sul passato e il futuro vengono svelati». 

«Grazie alle straordinarie scenografie di Brittney Lee e alla stupenda colonna sonora di Joseph Trapanese - prosegue il regista - il film si avvicina all’eredità di “Fantasia” combinando immagini e musica in modo sperimentale, utilizzando le tecnologie più avanzate della virtual reality».

Ovviamente quella trasmessa su Disney+ sarà una versione “flat” del corto che rappresenta una nuova avventura legata a Frozen 2 – Il segreto di Arendelle.

Infatti, eccoli anche qui gli spiriti già conosciuti nel film precedente: c’è Nokk, spirito dell'acqua nelle sembianze di un puledro, ci sono quello più giocoso del vento Gale e i Giganti della Terra con lo spirito del Fuoco che ha l’aspetto di una salamandra.

Il racconto di questa particolare favola della buonanotte è affidato alla voce di Evan Rachel Wood che in Frozen 2  era la mamma delle due sorelle Elsa ed Anna, la regina Iduna.

La fondamentale colonna sonora è di Joseph Trapanese
«Con Trapanese - conclude il regista - abbiamo subito evidenziato uno degli elementi di base del racconto: la centralità della musica e dell'armonia, e la dualità che doveva essere contenuta in ogni Elemento che sono tutti protagonisti e antagonisti».

PATRIZIA PERTUSO

 

Spettacoli