News

Virus e under 55, il Lazio scommette su AstraZeneca

Roma

ROMA Regione al lavoro per immunizzare in tempi brevi quanti più cittadini possibile, l’unico vero rimedio contro la pandemia da Covid 19. E lo fa partendo dalle categorie più esposte, dopo aver terminato la vaccinazione di medici e sanitari pubblici, puntando su AstraZeneca.

Da oggi infatti parte la campagna dedicata a poliziotti, carabinieri e finanzieri: una platea di circa 40 mila persone in tutto il Lazio, con punti vaccinali dedicati nell’area lunga sosta di Fiumicino (400 dosi al giorno), Santa Severa (60), Valmontone hospital (100), Guidonia (200), Villa Albani ad Anzio (60), per un totale di 802 immunizzazioni al giorno. E da domani apriranno anche gli hub per gli agenti di polizia locale. A seguire il vaccino AstraZeneca sarà disponibile per tutti gli under 55: dal primo marzo i medici di famiglia, preventivamente immunizzati, potranno inoculare il farmaco ai loro assistiti, con una media prevista di 180 mila immunizzazioni al mese.

Intanto la vaccinazione degli over 80 è a quota 50 mila, a pochi giorni dall’avvio, un primato rispetto alle altre regioni italiane, mentre la popolazione complessiva immunizzata ammonta a 116 mila persone (quelle che hanno effettuato anche il richiamo, mentre le dosi totali distribuite sono 280 mila).

C’è poi il lavoro delle forze dell’ordine e della polizia locale per evitare comportamenti scorretti e assembramenti. Ieri la polizia locale ha chiuso tutti i varchi di accesso alla piazza di Fontana di Trevi, presa d’assalto da centinaia di persone. La sera prima i vigili impegnati nei controlli presso le strade e le piazze della movida hanno multato oltre 40 persone e denunciato un ragazzo a San Lorenzo. Chiuso e sanzionato anche un circolo culturale a Monti: vendeva alcolici in orari non consentiti.

Articoli Correlati
News