News

Israele: "Nuovi piani per attaccare l'Iran"

Nucleare

Il capo di stato maggiore israeliano, Aviv Kohavi, ha dichiarato di aver dato ordine di definire nuovi piani operativi per colpire l'Iran e bloccarne lo sviluppo nucleare.   "L'Iran può decidere di procedere con lo sviluppo di una bomba, in segreto o in modo provocatorio. Alla luce di questo, ho ordinato alle forze armate di definire diversi piani operativi, oltre a quelli esistenti. Stiamo studiando questi piani e li svilupperemo il prossimo anno", ha detto Kohavi nel suo intervento alla conferenza annuale del think tank Institute for National Security Studies. "Spetterà naturalmente al governo decidere se usarli. Ma questi piani devono essere pronti", ha aggiunto il generale. Riguardo alla possibilità che la nuova amministrazione americana di Joe Biden decida di tornare all'accordo del 2015 sul nucleare iraniano, il generale ha dichiarato: "Tornare all'accordo sul nucleare del 2015 o anche a un accordo simile ma con pochi miglioramenti non è la cosa giusta da fare". 

Gli Stati Uniti torneranno nell'intesa sul nucleare iraniano quando Teheran ne rispetterà in pieno i termini, ha sottolineato il nuovo segretario di Stato americano, Tony Blinken, durante la sua prima conferenza stampa a Foggy Bottom.

La risposta iraniana è arrivata subito. Mahmoud Vaezi, capo di gabinetto del presidente iraniano Hassan Rohani, ha accusato oggi Israele di condurre una "guerra psicologica", commentando l’annuncio di nuovi piani dell’esercito israeliano per bloccare lo sviluppo nucleare dell’Iran. “Siamo abituati alla retorica dei funzionari del regime sionista. Parlano di più e cercano una guerra psicologica”, ha detto Vaezi a margine di un vertice di governo. “Non vogliamo entrare in guerra, ma siamo seriamente intenzionati a difendere il Paese", ha aggiunto il funzionario, citato dall’agenzia Isna.

Articoli Correlati
News